cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

mercoledì, febbraio 20, 2008

Istanbul: finalmente si mangia!

Eccoci alla seconda puntata: ma quanto si mangia bene a Istanbul!

La cucina di Istanbul mi è piaciuta parecchio, uno perché ci sono un sacco di bontà vegetariane, due perché c’è molto pesce, tre perché a qualsiasi ora e in qualsiasi luogo si trova un baracchino, un carrettino un negozietto aperto, pronti a smorzare la fame dei frenetici cittadini e/o turisti.

A differenza di altre cucine “orientali” ho avuto l’impressione che l’uso delle spezie sia molto parsimonioso e i singoli piatti siano composti di pochi ingredienti, tra i quali gli immancabili peperoni, di tutte le fogge e colori.

Innanzitutto il pesce, fresco buono, per gli appassionati c’è un intero quartiere, Kumkapi (la porta della sabbia) dove si trovano i migliori ristoranti di pesce della città e, se ti metti d’accordo con l’albergo, ci sono servizi di bus navetta che ti accompagnano e ti riportano a casa, permettendoti un paio di bicchieri di vino o raki (anice) in più.

La cenetta di pesce si è aperta con i meze, gli antipasti, presentati in infiniti piattini su giganteschi vassoi dove bisogna sforzarsi di non esagerare per non cedere alla tentazione di assaggiare tutto.

A Kumkapi, ovviamente, i meze sono soprattutto a base di pesce; abbiamo assaggiato (oh mica tutti in una stessa cena eh?!) alici marinate con pepelimone, insalatina di cozze (la bee, io manco se mi pagano potrei assaggiare un mollusco!), pesce e melanzane al forno con una salsina di yogurt, le famose foglie di vite ripiene di riso e uvetta, dei topinambur piccantielli, una terrina di ceci, un’insalata di salicornia e tante altre golosità tra l’orto e il mare, sempre con un gusto fresco, agrumato, appena piccanti, veramente buone.

Poi ci hanno consigliato gli antipasti caldi, e ci siamo fatti sedurre dalla frittura, calamari io, cozze la bee (cozze fritte?? La bee ha detto da urlo) con fresca salsina bianca (questa delle salsine da pucciarci dentro la qualsiasi, deve essere proprio una caratteristica della cucina turca, mmm bellefresche ), ma di altrettanto allettante c’erano anche una terrina di gamberetti al forno (che pare essere la specialità del quartiere) e dei calamari ripieni.

Più per golosità che per fame ci siamo sparati anche una spigola al sale, presentata con tanto di flambata finale, accompagnata dalla salsina di ordinanza, questa volta liquida e sapida con contorno di cipolle crude (arghh) e pomodori, il dessert lo abbiamo saltato a piè pari, non lo sgroppino però, la mia adorata anice, che qui appunto si chiama raki.

Così come per i negozi, anche i ristoranti sono mono-tematici: ci sono i köfteci, specializzati in polpettine di ogni genere,accompagnate con ogni sorta di peperoni dove la bee tentava sempre di portarmi, lei si cuccava le köfte di montone ecc., io optavo per peperonate sugosissime, montagne di purè con crosticina di formaggio e insalatone di fagioli e cipolle o confortanti zuppe di lenticchie o di yogurt (bello leggero noo?); i kebapci, che non occorre spiegare, ma alcuni, nella zona del gran bazar , o dalle parti del Topkapi, sono veramente suggestivi: sono situati agli angoli dei palazzi d’epoca e sono quasi sempre a pianta ottagonale, minuscoli chioschi con grate dorate dalle quali ti servono il kebab; poi ci sono i börekcisi, i miei preferiti, specializzati in börek. Di börek ne ho assaggiati parecchi ma evidentemente, con lo stesso nome si possono indicare specialità diverse. Alcuni simili alle nostre lasagne, con la pasta morbida e umida ripiena di formaggio tipo feta e yogurt denso e una generosa dose di burro chiarificato, dal gusto veramente molto burroso (tipo quello delle malghe delle mie parti), altri più croccanti e simili a strudel di verdure, con spinaci ecc., arrotolati in immensi serpentoni, altri addirittura fritti tipo involtino primavera. I börek sono il piatto turco che mi è piaciuto di più.

Un’altra cosa che mi ha stupito è il fatto di pasteggiare bevendo ayran, latticello e yogurt.

Al primo pranzo ci guardiamo intorno studiando gli usi dei locali e tutti, ma proprio tutti donne uomini, vecchi giovani, bevevano gran bicchieroni di questo latticello, e anche sul montone e sul peperone, che subito ci è venuta in mente la barzelletta del “latte sulle cozze noo eh!”

E così mi sono lanciato, e devo dire che mi è anche piaciuto, e parecchio, tanto che l’ ho adottato come bevanda per il resto della vacanza! La bee non l’ ha nemmeno voluto assaggiare!

Ma mi potevo far mancare qualche pastane : pasticceria!!!

Che goduria, che abbondanza! Non ho mai visto così tanti negozi di roba dolce.

A dire la verità, però, anche per un golosastro come me, alcuni dolci turchi sono veramente troppo dolci! Ci credo che poi ci devono “dietro” il çay, un the nero così forte e amaro, che al primo sorso mi si sono rizzati i capelli e la lingua si è scartavetrata! Con una zolletta di zucchero però il gusto del the migliorava parecchio anche se rimaneva potentissimo e tanninico.

Tra le pasticcerie ci sono dei “torronifici” che vendono, tagliandolo da torri gigantesche, fette di friabile e burroso helva, il torrone di sesamo (bbuonissimoincicciantissimo quello di pistacchio, da assumersi in dosi omeopatiche). Dalle vetrine dei torronifici fanno sgranare gli occhi e tremare lo smalto dei denti le piramidi di lokum, un “torrone” gommoso, gelatinoso, colorato e aromatizzato con ogni sorta di aroma e di frutta secca, poi spolverizzato di zucchero al velo e amido, una roba da far saltare le otturazioni!

Poi ci sono le pasticcerie specializzate in creme e budini, quelle tradizionali e quelle occidentalizzate, comunque una goduria, una libidine…a patto di scegliere bene! Una in particolare ci ha fatti tornare due volte, lungo la Istikal caddesi, la strada dello struscio.

Quattro piani di börek freschissimi, zuppe, kebeb, ma soprattutto budini e dolci al cucchiaio, esposti in vetrine ipnotizzanti!

Le abbiamo provate tutte, creme al limone, al cocco, cheesecake alle amarene, alle fragole, gelati al pistacchio (dondurma! Un gelato buonissimo compatto e più ghiacciato dei nostri ma con un sapore cremoso e veramente pistacchioso), e quando dico che le abbiamo provate tutte…

“vedo queste coppiette turche, o anche intere famiglie, diventare matte e godersi a cucchiaiate una specie di creme caramel cilindrico, a dire il vero un po’ filamentoso, tutto caramellato; con la faccia tosta che mi ritrovo rompo le balle alla coppietta e chiedo cosa stiano gustando: in inglese perfetto mi spiegano trattarsi di un famoso dolce delizioso a base di latte e riso.

Da provare assolutamente penso, lo ordino, accompagnato da gelato al pistacchio, come mi hanno consigliato, vado col primo cucchiaio???? Sbianco, ingoio e trattengo delle smorfie di disgusto: Bee ti prego assaggia, non sa di…di…(cercavo di trovare quel sapore che conoscevo ma non mi era più tanto familiare)…la bee assaggia e dice POLLO! (e credo si riferisse proprio a me!)

La simpatica coppietta aveva dimenticato di dirmi che nel dessert, oltre a latte, zucchero e farina di riso c’era anche pollo lesso omogeneizzato, l’unico dolce che non sia riuscito a finire leccandomi il piattino!

Ci sono poi le pasticcerie specializzate in baklava di ogni genere, mandorle, pistacchi, nocciole, a rombi, a matassina di fili, a sigaro, tutti però annegati nel loro cristallino e dolcissimo sciroppo, veramente troppo dolci anche per i miei gusti.

Invece al mercato egizio delle spezie c’era un banchetto che vendeva frutta secca, miele e biscotti di sesamo veramente buoni, una specie di pasta frolla al sesamo, friabile e poco dolce, che non ho visto nelle altre pasticcerie.

Al mercato delle spezie e tutto intorno quello dei fiori, dei bulbi e degli uccelli, ci siamo stati quasi tre ore. Una bellezza di colori e un viavai di gente incredibile, anche il profumo non era male, un misto forte di spezie e dolce, per nulla stucchevole.

Come in tutti i posti superturistici però, bisogna fidarsi solo dei banchetti che vendono anche alla gente del posto, e sono soprattutto i banchetti fuori il mercato: banchetti di pesce fresco, verdure, formaggi freschi e stagionati, dall’aspetto pecorinoso o tutti sfilacciati, come una “mozzarella destrutturata”, banchetti di “roba in salamoia” olive capperi, foglie di vite, carciofi…

Il rischio cantonate è dietro l’angolo, ma essere trattati da turisti un po’ ciula, fa parte del gioco e la cosa divertente era vedere come apparivamo agli occhi dei negozianti turchi: per la metà eravamo spagnoli, ma l’altra metà ci “cattava” subito e subito ci invitava in italiano a comprare zafferano, see, zafferano arancio intenso e a petalo di calendula!

Ma lo zafferano vero, quello iraniano, lo vendevano sul serio, a stami rosso cupo, con un profumo potente, anche se a peso d’oro!

A saper trattare, e controllando la freschezza delle spezie (colore “naturale, niente grumi strani, confezioni sottovuoto, etichette chiare) si potrebbero anche fare degli affari, ma io e la bee, nella trattativa da mercato, siamo due schiappe assolute, tanto che i negozianti turchi, desolati e sorpresi dal mancato giochetto della contrattazione di questi italiani anomali, ci guardavano scoraggiati e, di loro sponte, ci facevano lo sconto!

La cosa in assoluto più goduriosa, orientale e al contempo più sana che abbia assaggiato è stato il succo di melagrana, speremuto fresco, servito da centinaia di banchetti sparsi in tutta Istanbul, che lo servono puro o insieme a succo d’arancia o a succo di carote nere! Una bevanda da sultani, aspra e dolce e supervitaminica.

Col freddo che faceva, freddo umido, roba da due paia di calzettoni, e con la stanchezza che prende girando a piedi tutto il giorno, le bevande calde turche sono state una consolazione e una dose di energia, andavamo avanti a çay, la bee riusciva a berlo amaro…e ho detto tutto! Io avevo bisogno di almeno una zolletta.

Mezzi congelati, sul traghetto per Üsküdar, il quartiere più interessante sulla riva asiatica, ci siamo fatti rianimare: la bee da un caffè turco, che bisogna sorseggiare con pazienza, pena lo sgrisolamento dei denti con la polverina del fondo; io da un ayran bollente spruzzato di cannella, che profumava tutta la cabina del traghetto (ho scoperto che c’è una versione aromatizzata all’orchidea???quasi quasi c’è da tornare ad Istanbul solo per assaggiarlo.

Questa volta saluti veramente golosi, cat

35 Commenti:

Blogger giorgia disse…

Io per un pezzetto di baklava come si deve potrei uccidere.

(ok, magari "uccidere" proprio no, però, ecco, quando ne trovo in un negozio qui vicino casa, gestito giustappunto da turchi, faccio le capriole...)

20/2/08 22:33  
Anonymous Anonimo disse…

Bellissimo post Cat, mi hai fatto sognare. CarmeNap

20/2/08 23:44  
Anonymous Anonimo disse…

P.S. Quanti chili hai preso??? Eheheheh. Sempre CarmeNap

20/2/08 23:45  
Anonymous Anonimo disse…

che bel racconto!!! noi abbiamo appena ricevuto la visita della nostra "figlia" di istanbul che ci ha portato lukum al pistacchio e caffè buonissimo. noi abbiamo ricambiato con un superpezzettone di parmigiano reggiano che per loro è una prelibatezza assoluta..
ma davvero, ho tanta voglia di tornarci dopo i tuoi racconti!
ciao alessandra

21/2/08 08:46  
Anonymous Anonimo disse…

Dopo quest'uktio attesissimo racoonto..la mia convinzione di andare a Istambul è sempre + forte!
Complimenti ancora per la straordinaria capacità descrittiva e per la consueta simpatia!
Buona giornata
saretta :))))

21/2/08 12:00  
Blogger miciapallina disse…

Anche io mi associo al coro di "ma quanto siete ingrassati??"
Io ho preso qualche kilo solo guardando le tue foto!
ma che meraviglia!
me davvero che cose belle!... e buone!
Ok..... allora la dieta la inizio sul serio.... fosse fosse mai.!
nasinasi

21/2/08 18:08  
Blogger cat disse…

ciao a tutte.
non ci crederete ma non abbiamo preso nemmeno un etto. e ci mancherebbe altro, con quello che abbiamo camminato! due trottole, roba da consumare le suole, 'notte cat

22/2/08 00:25  
Blogger salsadisapa disse…

meravigliosi colori, stupende sensazioni che traspaiono dal tuo reportage... fai venir voglia di partire! :-)

22/2/08 09:32  
Blogger papavero di campo disse…

un reportage nello stile dell'occhio voglioso e del piacere della gola, mi piace mi ci riconosco, un'avidità cosciente o una coscienza vorace!! per me il più bel modo di celebrare.
Mi ha stuzzicato questo post il desiderio di un ritorno visto che troppi anni sono passati da allora e vedo anche molto cambiamento


ps.: ma oltre ai dolci un berretto da sufi te lo sei comprato?!

22/2/08 11:18  
Blogger Alex e Mari disse…

Ma questo è il paese delle meraviglie per chi come noi ama mangiare!! Mi sale la glicemia solo a vedere le foto di quei dolci. Fantastico! Buon WE, Alex

22/2/08 12:58  
Anonymous Mrs. Bee disse…

io avevo proposto il titolo "il pollo di Istanbul", ma il suggerimento è stato inspiegabilmente bocciato.....

22/2/08 13:29  
Blogger campo di fragole disse…

Ma quanta roba Cat! Mi sembra che non ti sei fatto scappare nulla eh!! Sembra che la cucina turca sia tra le piu' prelibate al mondo. Quando vivevo a Londra me l'hanno detto + volte. Tu che ne pensi?

22/2/08 15:00  
Blogger elisa disse…

allora Istanbul sarebbe la mia meta ideale..sembra davvero bella..chissà..
ma le pasticcerie sono davvero pazzesche!!!
A presto

23/2/08 10:42  
Blogger SenzaPanna disse…

Mi hia fatto venire voglia di fare un viaggio a Istambul.
Ma il latticello non ha un effetto lasstivo?


Se mi permetti vorrei approfittare per comunicare che il Ristorante L'Etoile ed alcuni amici forumisti del Gambero Rosso hanno organizzato per il giorno Domenica 2 marzo a pranzo, il Forum Event. Lo scopo dell'evento sarà riunirsi e conoscersi meglio.
Io pensavo che potrebbe essere una buona occasione anche per i blogger
Verrà allestito un tavolo imperiale per un massimo di 15 /20 partecipanti e il menu sarà composto da 6 portate piu coccole finali, mentre i vini saranno portati dai partecipanti o scelti dalla carta del ristorante.
Il prezzo è di 55 euro per persona, vini esclusi.
Altre informazioni e il menu li trovate qui

23/2/08 22:20  
Anonymous federica disse…

ah... faccio la maestra-artista... di notte navigo per cercare di allontanare i draghi... e mi imbatto in un sito... fantastico!

24/2/08 12:35  
Blogger frittella disse…

Grazie Cat, proprio un bel post di prelibarezze,il giorno del mio compleanno,è stato come ricevere un bellissimo regalo.
Ciao Frittella

25/2/08 12:05  
Blogger cuoca compulsiva disse…

WOW, grazie... ci avete portato con voi!!

25/2/08 16:08  
Blogger equipaje disse…

Mi chiedevo, ma ci saranno ancora i bicchierini da ciai? Suspence sino all'ultima foto e sì, ci sono ancora. E le onnipresenti tazzine rosa arancione chiaro "made in Mexico" per il caffé?
L'ayran l'ho sempre trovato eccellente, ma pure il kebab... quello che purtroppo invece mi sono proprio persa è il budino di pollo... che invidia!
;)

26/2/08 02:18  
Blogger Morrigan disse…

Grazie archiniere per questo secondo resoconto. Ma il sutlac e il salep l'avete mangiati?
Zalutissimi

26/2/08 15:15  
Anonymous sandra disse…

Che bei ricordi.. La bella Istanbul mi é rimasta nel cuore.. Dopo solo una settimana.Penso che potrei viverci.. in tutta sincerità!
Sono molto contenta che ti sia piaciuta.. :o)
P.s ma allora la tua dieta che fine ha fatto?? :))))

Spettacolari le baklava,pensa che le mangiavo anche io che non amo i dolci!
Ma il kebab é spaziale!
Saluti turcogolosi!

29/2/08 17:30  
Blogger Franca disse…

Complimenti!!! E' tutto bello, buono ma sopratutto colorato! mi avete fatto venire voglia di organizzare un viaggio da quelle parti!!! Chiederò riferimenti!!!

29/2/08 18:18  
Blogger cannella disse…

Della serie "stiamo leggerini", eh colombi? Almeno potevi fare 5 o 6 post, invece che tutt'uno...che mi è salito il colesterolo solo a leggere...ma...la ricettina del dessert di pollo non la pubblichi??? E la prossima volta vi mando in viaggio con mia nonna, per aiutarvi a mercanteggiare...o avete bisogno di qualcuno che lo faccia in spagnolo??
Basi veci, smuack smuack smuack!

1/3/08 13:03  
Blogger bian disse…

oddio! e quanto si mangia?! foto stupende, complimenti cat!

1/3/08 19:18  
Anonymous Anonimo disse…

si ingrassa solo alla lettura!
visione goduriosa! nel blog si possono installare anche i profumi?
ottoscolariandavanoasquola

3/3/08 22:50  
Blogger anna disse…

Grazie sia del viaggio che della cucina.
Fantastiche le foto e le parole.
Anch'io ci penso da un po' adesso accelererò i preparativi...bravi!

4/3/08 00:20  
Blogger cuoca compulsiva disse…

ma dove siete????????????????????????????????????????????????????????''

4/3/08 15:54  
Blogger fairyskull disse…

Che belle foto, colgono proprio quello che e' la cucina tipica, con i colori e i sapori dei dolci, delle spezie e tutto il resto nei mercati. Ciao lisa
http://ricettedafairyskull.myblog.it/

6/3/08 22:24  
Anonymous mrs. Bee disse…

Dove siamo? a casa, as usual. Solo che è arrivato in regalo a Niccolò un bel giochino del GameBoy e adesso l'ha scoperto il suo papà, che ci passa ogni minuto libero, sottraendolo ai bambini "perchè non fa bene giocare troppo ai videogiochi".
Titolo del giochino: Cooking Mama......

10/3/08 11:28  
Blogger Joynho disse…

Ciao, prima di tutto complimenti per il blog!
Se ti va, visto che sei esperta di cucina, volevo segnalarti una community che avevo in testa e che ho creato: www.cityfan.it …
Visto che ce ne sono pochi utenti esperti di cucina e capaci di dare un giudizio critico, potresti recensire i ristoranti e le pizzerie non per l’architettura e il servizio, ma per come si mangia!
Verrò a leggerti spesso, così ingrasso virtualmente!!!!
A presto!

11/3/08 11:45  
Anonymous Anonimo disse…

Istanbul..come ti invidio!!!....sono due che cerco di organizzare il viaggio ....ma nessuno vuole venire :( ...buona giornata...P.S.ma dove siete Finiti!!!!!!Jessica

12/3/08 09:22  
Anonymous Anonimo disse…

SALVE MI CHIAMO LICIA, HO VISTO QUESTE MERAVILGIOSE FOTO E CHE INVIDIA... UNA DOMANDA QUELLE"CIAMBELLE" DELLA PRIMA FOTO COSA SONO?

15/3/08 09:12  
Blogger cat disse…

ciao licia, benvenuta, sono panini burrosi al sesamo, cat

16/3/08 01:31  
Anonymous Pulini disse…

Bellissimo reportage su Istambul,mi hai riportata indietro nel tempo!!
Hai assaggiato i panini col pesce fritto ,venduti sulle barche a pochissimo ????
La bevanda calda aromatizzata all'orchidea e' il sahlep, e'buonissima !!!

18/3/08 20:00  
Blogger Jean-Michel disse…

Che dire, Cat...nulla...TI ODIOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


:))))))))))))))))))))))

25/5/08 22:15  
Anonymous Anonimo disse…

Dopo aver letto il tuo racconto su Istanbul, sono strafelice di poterci andare tra 2 settimane, in occassione del compleanno di mia moglie, mi mpiacerebbe portarla a mangiare il pesce, magari in quel ristorante dove site stati, se hai qualche indicazione te ne saremmo grati.
Ciao e grazie

2/1/09 12:35  

Posta un commento

<< Home