cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

lunedì, gennaio 07, 2008

buon giorno e buon anno!

Iiaauwwnnn! (sbadiglio!)

Cosa? È dal 12 dicembre che non mi faccio più sentire?

Ebbene sì ho poltrito, ne avevo bisogno!

Abbiamo trascorso delle vacanze leente leente, costretti a casa per acciacchi vari che ci siamo spartiti vicendevolmente, in compagnia di tanti films, vagonate di lego da montare ed ettolitri di tisane, e quando siamo stati meglio, la pigrizia ci ha sopraffatti.

Per capodanno abbiamo avuto una sferzata di energia: quest’anno, con gli amici, ci siamo regalati un cus-cus- catering, da 1000 e una notte, ma mica potevo stare con le mani in mano e allora vai di insalata calda di pomodori e melanzane, baba ganoush, terrina di zucca, budino di latte, riso, pistacchi e acqua di rose e… tadà, baklava alle mandorle, tutte ricette scovate in internet alle voci: cucina araba o cucina marocchina.

Ma la vera attrazione della serata, la vera “maialata” ce l’ha procurata la mia amica Manu (che legge sempre e non commenta mai, VERO!).

La sera prima telefona e essemmessa a tutti lasciandoci incuriositi: mi raccomando portate tutti gli avanzi (anzi, come dice lei tutti gli scürpai ) di cioccolata che avete in frigo!

Abbioccati dall’abbondante cus cus, si comincia ad armeggiare intorno al microonde, e compaiono come per magia, tavolette e tavolette di cioccolato e, improvvisamente, appare sul tavolo un “mestiero” che già da “vuoto” prometteva bene.

Il fontanone di cioccolata.

Lo so che la fonduta di cioccolata è tra le più gettonate a capodanno, ma vi assicuro che l’effetto fontana rende tutto maledettamente più goloso.

All’inizio, timidi timidi, ci siamo lanciati con la frutta, poi siamo passati ai tocchettini di pane casereccio e infine, oltrepassata la linea della decenza, siamo andati di dito, un successone, specialmente con i piccoli (l’unica accortezza, la prossima volta dobbiamo ricordarci di tappezzare pavimento e tavolo, alla fine sembrava un campo di battaglia!).

Dicevo, a parte la festa di capodanno e la tradizionale “cena degli avanzi” del giorno dopo e una toccata e fuga dai nonni, in un’insolita Valeggio imbiancata, siamo stati rintanati in casa al calduccio tutto il tempo.

Ma questo fine settimana è scesa finalmente la neve, ci siamo fatti coraggio e, invitati dai nostri amici pigripiùpigridinoi ;O), ci siamo lanciati e abbiamo affrontato questi 20 minuti di camminata sulla neve, spinti da spirito sportivo, muniti di slitte e padelle (quelle per scivolare sulla neve!) e di tutti i propositi salutistici dei primi giorni dell’anno.

Dopo poche scivolate ci siamo ritrovati, non so come, mi ricordo solo una strana nebbia, a fare merenda con Knödel in brodo, patate e uova, Strauben e Omelette, alle quattro di pomeriggio! E non solo i “grandi”, i cuccioli si sono spazzolati quasi tutto, sarà stata l’arietta fresca, o la ritrovata libertà?

La giornata non era delle migliori per scatenarsi sulla neve, ma la voglia di bianco era tanta.

Il posto per noi è bellissimo, sul Renon, spartano, così vicino e così lontano, con tanti animali impellicciati per il freddo, giochi semplici ma unici, e soprattutto con un bel prato in discesa coperto di neve.

Peccato che sotto la neve avessero appena sparso il letame!

Finchè eravamo all’aperto non ce ne siamo accorti, ma saliti in macchina, col clima’ a 200 gradi per riscaldarci abbiamo cominciato ad olezzare di “sano e campagnolo”, stasera la lavatrice dovrà fare gli straordinari!

E adesso che ricetta vi posto???

Lo so che sono passati Natale, capodanno e la befana, ma io nel frattempo ho continuato a sfornare e cucinare, fotografare e assaggiare (essì assaggiare! ho passato quasi indenne le feste, senza scendere di un grammo ma fortunatamente senza ri-mettere su le fettazze tanto sofferte, e di scivoloni ne ho fatti, ohh se ne ho fatti!).

Bòn, ho deciso non sarà un post “up to date” ma c’ho tutte ‘ste foto di biscotti di cui vado orgoglioso, che mi sembrerebbe uno spreco non pubblicare, eppoi dov’è scritto che i biscotti vanno fatti solo durante l’Avvento?

Un po’ li avete già visti, ora vi descrivo gli orientali, tutti mandorle, burro sesamo e…matcha:

FROLLINI AL SESAMO E MARZAPANE

Ho tostato in un padellino anti-aderente 40 g di sesamo bianco e ho lasciato raffreddare (ma che profumo il sesamo tostato di fresco!).

Ho impastato 200 g di marzapane (acquistato a Monaco in novembre) con un rosso d’uovo, 50 g di zucchero a velo, il succo di mezzo limone, 40 g di farina e i semi di sesamo tostati (tranne una cucchiaiata per le decorazioni), ne ho fatta una palla che ho avvolto di pellicola e messa in frigo per un po’.

Ho pre-riscaldato il forno a 160°, ho steso la pasta molto sottile tra due fogli di carta-forno , ho ritagliato le formine, ho inumidito i bordi con la chiara d’uovo e li ho cosparsi di sesamo, li ho infornati per 10 minuti scarsi a 140°; scrocchiarelli e gustosi.

BISCOTTI MARMORIZZATI AL MATCHA

Ho finalmente trovato del matcha ad un prezzo ragionevole e cosa potevo farci se non i bIscotti.

Ho impastato velocemente e con il coltello 150 g di burro freddo, 100 g di zucchero, un pizzico abbondante di vaniglia naturale un uovo sbattuto e 250 g di farina setacciata due volte.

Ho diviso l’impasto in due parti uguali e ad una o aggiunto due bei cucchiai da tavola colmi di the verde matcha, e ho impastato per bene, fino ad ottenere una incredibile pasta verdona.

Con ciascuna delle paste ho ricavato dei salamotti sottili, della stessa lunghezza (se, come me, siete sul maniaco andante, conviene pesare i singoli pezzi di pasta cosicché i salamotti verranno esattamente identici). Ho avvolto in un abbracio spiraloso un salamotto giallo ad uno verde, li ho avvolti nella pellicola, ho arrotolato un po’ sulla spianatoia e ho messo in frigo per tutta la notte.

Il giorno seguente ho eliminato la pellicola e ho tagliato delle fette abbastanza spesse dai salamotti bicolore, che ho messo sulle teglie con la carta-forno e passato in forno per 12-15’ a 180°.

Curiosi, croccanti, insoliti,con un tocco di amarognolo, sembrano biscotti pucciati nel the.

Non ne avete ancora abbastanza allora continuo, e ancora biscotti verdi

CORNETTI AI SEMI DI ZUCCA

Ho tostato in forno 200 di semi di zucca decorticati, fino a renderli fragranti e appena colorati, li ho lasciati raffreddare e li ho passati al mixer, polverizzandoli.

Ho impastato velocemente e in punta di dita, 250 g di farina setacciata, i semi di zucca in polvere, mezzo cucchiaino di vaniglia naturale, un bel pizzico di sale, 100 g di zucchero a velo e 180 g di burro non freddissimo e due tuorli. Ho fatto la palla, l’ho “impellicolata e frigata” e dopo alcune ore ho ricavato i cornetti, che ho cotto in forno a 180° per 10-12 minuti.

Una volta raffreddati ho pucciato le punte dei cornetti nel cioccolato di copertura, burrosi e nocciolati, ma con un gustino che non si capisce e lascia sorpresi.

A ma non è mica finita qui ho fatto anche i

CUORICINI ALLO ZENZERO CANDITO e DRIPPING DI CIOCCOLATA

Ho tritato molto finemente (col mixer, insieme allo zucchero) 50 g di zenzero candito e 100 di zucchero a velo. Li ho impastati velocemente con 200 g di farina setacciata, 120 g di burro, 100 g di mandorle pelate e tritate finissime, un uovo. Solita palla-pellicola-frigo.

Ho steso la pasta sottilissima, spolverizzando la spianatoia con zucchero a velo mescolato a farina di riso, ho ricavato tanti cuoricini, li ho passati al forno su teglie con carta a 180° per 10-12’.

Una volta raffreddati, ho accoppiato i cuoricini con marmellata di albicocche e ho decorato con un “action painting” di cioccolato alla Pollock, un dripping goloso, per la gioia della bee che, orripilata, ha trovato la cucina tigrata!

Cosa ci ho fatto con le chiare, beh, non potevo mica buttarle noo? E allora

MAKRONEN ALLA MOKA

Che poi sarebbero dei macaron, delle meringhette insomma, ma chiamarli così mi intimorisce un pochino.

Ho montato a neve durissima tre chiare d’uovo con un pizzicone di sale (lo so che la ricetta sopra lasciava in frigo solo due chiare, ma non penserete che abbia fatto SOLO questi pochi biscottini vero?).

Alle chiare durissime ho aggiunto, poco alla volta, 200 di zucchero e alcune gocce di succo di limone, alternandoli, e ho continuato a montare finché lo zucchero non si è sciolto del tutto e la massa è diventata lucida. A questo punto ho aggiunto, mescolando dal basso all’alto per non smontare tutto, 100 g di nocciole e 100 di mandorle tostate e tritate finissime al mixer, con due bei cucchiai di caffè, aggiunti durante la macinatura delle mandorle.

Ho messo nella sacca e ho spremuto i mucchietti sulle teglie imburrate e infarinate. Ho passato al forno a 160° per circa 15’, ho lasciato raffreddare e ho accoppiato con crema di nocciole e cioccolato fondente, per gli amanti del gusto moka cioccocaffè.

Le foto ritraggono anche altri biscottuzzi, ma adesso sono veramente stanco, e domani si ricomincia! Buona settimana e buon anno, saluti golosi cat

32 Commenti:

Blogger Scribacchini disse…

vabbè, vabbè, valeva la pena aspettarvi tant ;-) Bentornati
Kat

7/1/08 07:48  
Anonymous maruzzella disse…

Buon anno Cat!

7/1/08 09:00  
Blogger cuochetta disse…

Bentornatiiiii!

certo che con questo post l'attesa è ripagata... tra foto, racconti e ricette ho la delizia in cuor!

Una pregunta... ma l'ommo sorridente sullo slittino è papà CAT?

Un abbraccio da una mamma occupata a curar le influenze familiari... spero di tornare presto anche io...
Annina

7/1/08 09:50  
Anonymous mrs. Bee disse…

L'ommo sorridente è Cat PRIMA della cappottata con botta violenta sulla coscia.......
Buona cura dell'influenza: noi avremmo già dato, ma non si può mai dire.......

7/1/08 10:38  
Blogger cocozza disse…

Ma babbo Natale ha trasformato la tua casa in pasticceria ora capisco perchè hai avuto bisogno di tanto riposo,meno male che e arrivata la neve a rinfrescarti un pò.
ciao cocozza

7/1/08 11:56  
Blogger Marika disse…

Causa intolleranze varie non posso magiare quasi niente ma passando da te mi sono "slurpata" queste delizie a costo zero (anche sulla linea!). Troppo bella la fontanona di cioccolata fusa ...

COmunque, anche se in ritardo buonisssssssimo 2008!
MArika

7/1/08 13:08  
Blogger mattop disse…

artista!!!
che dire...? I tuoi biscotti parlano da soli!

7/1/08 13:25  
Blogger frittella disse…

complimenti
sono rimasta estasiata da tanta
abbondanza e bellezza dei tuoi
biscottini. Bravissimo,non c'è
neanche da dirlo è superfluo.
Ciao Cat
Frittella

7/1/08 15:32  
Blogger Morrigan disse…

Ma la tua giornata di quante ore è composta? O___o
Belle vacanze ^__^

7/1/08 15:39  
Blogger salsadisapa disse…

stupendi post/biscotti/foto! e bentornato! e buon anno :-) anch'io ho un vasetto di matcha ancora inutilizzato... 40 grammi per 18.50 euro! irragionevole, credo.. no?
:P

7/1/08 16:38  
Blogger cuoca compulsiva disse…

Buon Anno Nuovo!!!
Grazie per i racconti, sempre godibili, per le foto da "ohhhh" mentre le si ammira e per le ricette che curano il cuore affranto di chi è già tornato ad un superlavoro da mulo!!
p.s. sono sempre più dell'avviso che in un ipotetico scambio di case... tra Roma e Bolzano... ci guadagnerei io!!

7/1/08 18:22  
Anonymous Anonimo disse…

Non vale! Uno arriva al 7 di gennaio con il colesterolo alle stelle e trova questo ben di Dio di post profumati e burrosi... Saggezza vuole che finiscano in archivio per tempi più leggeri. Pperò pperò una domanda te la voglio fare: dove hai trovato questo matcha così a buon mercato da usarne ben due cucchiaiate in un sol colpo? A Milano mi pare che il meno caro sia quello di Kathay (20 g. = E. 3,90).
Buon anno Nico

7/1/08 20:32  
Blogger frittella disse…

Come ci siete andati al Renon?
Con la macchina o la funivia?
E'vero che è la più lunga in Europa?
Ciao Frittella

7/1/08 21:36  
Blogger Paolo Tasini disse…

Archipasticciere che non sei altro! Meglio: biscuit designer che non sei altro!!! Stavolta mi hai conquistato!
Anch'io voglio i biscottini a ferro di cavallo verdini e con le punte al cioccolato e voglio pure quei Tao biscotti biancoverdi; quello strano strano a tacco di scarpa te lo lascio!

Ciao Cat. Buon 2008.

7/1/08 22:25  
Blogger cat disse…

ciao a tutti e ancora buon anno.
eddai kat, un po'di riposo ci voleva proprio!
ciao maruzzella e cuochetta, hehe sono proprio io.
ciao cocozza, e pensa che li ho tutti regalati!
orpa marika che sfi..rtuna, ti auguro di trovare presto una soluzione. Col nostro piccolo i primi tre anni sono stati un disastro, ma una dieta ferrea e una bravissima omeopata hanno fatto sparire quasi tute le intoleranze.
mattop, che ridere, ogni volta che mi commenti uno di questi post ipercolesterolemici mi sento un tantino in colpa e risvegli la mia parte salutista, prossima ricetta sensa burro.
ciao anche a frittella, ennò, siamo andati in macchina, la funivia è in fase di ammodernamento, ne stanno costruendo una tipo "cabinovia", un ovetto ogni 10 minuti, la più lunga d'europa? nonzo, ma la funivia del Colle, sempre a Bz è stata la prima in Europa!
marika, è per questo che in acanza non faccio un cappero e mi godo l'ozio!
ciao a salsadisapa e a niko, beh, tirato dietro proprio non me lo hanno, ma era una bustina tipo "ricarica", confezione scarna scarna, 100 g 20 euri e passa (non è che posso andare tanto per il sottile, la bee c'ha le orecchie lunghe e poi s'incacchia!)l'ho comprato in un negozio specializzato in the e tisane varie.
ciao anche alla cuoca compulsiva, eddai che roma ci piace tanto tanto,
saluti golosi cat

7/1/08 22:29  
Blogger miciapallina disse…

Sei tornatoooooo.....
O.... adesso va meglio!
Quel posto li è bellissimo!
L'ho girato a GG che adesso vuole andarci a tutti i costi..... ma su due ruote.... la vedo duraaaaa!!
Bene, adesso che la mattina so di trovarti sul pc (con la Bee) sono più tranquilla.
VAdo a smaltire le bavette che mi ha provocato la visione di tutti quei biscotti e mi unisco alla domanda..... ma di quante ore è la tua giornata?
nasinasi invidiosi

8/1/08 09:41  
Blogger Giovanna disse…

io mi sono gustata la vostra neve, i vostri canederli , il vostro vin brulè e ora che avevo deciso di mettermi un po a stecchetto (a proposito di diete, mi sembri più magro di qualche foto fa o sbaglio?) mi trovo i tuoi biscotti!! sono un attentato a i miei buoni propositi... però li posso fare per gli amici... chissenefrega della loro pancia :) li voglio fare proprio i tuoi biscotti allo zenzero (finalmente so che fare con quello che ho comprato dalle tue parti)
Ben tornato e un saluto a mrs bee

8/1/08 10:25  
Anonymous Mrs. bee disse…

Grazie a tutti dei saluti.
Dovrei glissare sui biscotti, tanto sapete già come la penso; ma ce n'è un tipo che il codardo non ha voluto commentare con il soprannome che è stato coniato a casa Cat......
Sul matcha taccio, che è meglio.
Scusate, oggi c'ho il pungiglione attivo......bzzzzzzzz

8/1/08 11:05  
Blogger papavero di campo disse…

Ciao è il mio primo commento sul suo blog, per prima cosa auguri di un anno buono e creativo! la creatività sì mi pare un suo tratto distintivo ed è una dote bellissima quando coinvolge tutti gli ambiti della vita reale e del pensiero. Complimenti allora! per lo stile tutto del suo blog e per l'entusiasmo che ne promana, per il muso e le orecchie di quell'asino bellissimo, per la neve, per l'intensa specializzazione applicata ai biscotti e per non continuare all'infinito.. per tutte le cose belle e i sogni da coltivare..in giardino, in cucina e nelle nostre teste!
un gentile saluto da papavero di campo

8/1/08 14:27  
Blogger Alex e Mari disse…

Splendido rientro Cat! Ora tocca a me sbarazzarmi di alcune fettazze, quindi i biscotti è meglio che me li guardo solo in foto. Ma quelli con i semi di zucca sono già prenotati per il prossimo Natale. Ciao, Alex

8/1/08 16:57  
Blogger equipaje disse…

Buon giorno e buon anno!

Bellobellobello, e quel fil rouge sui biscottini di zenzero prelude ad una lunga teoria di biscotti che si snoda lungo l'intero 2008, nevvero? :)

E quei biscottini col divieto d'accesso in negativo preludono ad una piena pienissima libertà d'accesso in soff... cucina, dico bene? :)

A quando i biscottini a forma di ape? :)) E di scorpioncino? :D

Besos a los dos * *

8/1/08 18:48  
Blogger cat disse…

ma che beléssa tutti questi biglietti sul frigo!
ciao paolo, ecco, bisquit designer suona very profesional, quasiquasi lo inserisco in curriculum, e poi chiedo l'aumento!
miciapallina grazie della generosità dei complim, ocio che poi mi gaso eh!
ciao giovanna, sono contento ti sia piaciuto l'AA-ST, fai come me, i biscotti li ho tutti regalati...ho degli amici vergognosamente magri! essì nonostante le feste se ne sono andate 9 belle fettazze in tre mesi..forse un po' troppo velocemente, ma non ho mai sofferto la fame.
buona sera papavero di campo, inolito il lei nei blog, mi ha incuriosito e fatto piacere (nella vita "non in rete" - raramente riesco a dare del tu!), sono venuto subito a curiosare, potremmo darci del tu al prossimo messaggio?
ciao alex, ottima idea le ricette "lait", oramai le mie scatole di latta dormono sogni tranquilli in soffitta. fino al prossimo natale!
ciao equi...a forma di ape...non ci avevo pensato, potrei sempre accampare la scusa che li ho fatti solo per lei (hihihi, magari a strisce, miele-cacao)besos anche a te

8/1/08 22:06  
Blogger Gloricetta disse…

Vedo che anche tu hai dato un bel contributo alla produzione biscottifera natalizia. Bravo!!! Buon anno e buona ripresa...come tanti hai rallentato i post nel periodo delle feste, ma ti sei goduto la bella famiglia e il meritato riposo!

9/1/08 12:35  
Blogger Franca disse…

I tuoi post sono sempre tanto dolci, allegri e ricchi di simpatia.
Buon 2008!!!!

9/1/08 14:51  
Blogger anna disse…

Ueila, Chiccuz, che belle foto! Ho dato alla Bee delle radici amare per te o forse scorzonera. Dai, manda una bella ricetta salutista!
E visto che sei ancora un peso forma, ti aspetto presto per sbafarci lo Stollen che ho dimenticato in cantina. L'altro era ancora molto buono.

PS per Miciapallina: con un discreto rampichino l'altipiano di San Genesio offre svariati itinerari. Puoi anche mettere la bici in funivia. Se ce l'ho fatta io, nulla di difficile... per amore si fa questo e altro!

9/1/08 17:56  
Anonymous Anonimo disse…

ciao. ti seguo sempre anche se questo post te lo scrivo non per farti gli ovvi complimenti (ricette, foto, famiglia) ma per chiederti un consiglio sulla gunnera, nuova entrata del catalogo bakker. grazie

10/1/08 13:38  
Blogger Francesca disse…

sei un vulcano di meraviglie Cat! Ben tornato :-)

Francesca

11/1/08 14:03  
Blogger frittella disse…

Ho letto della merendina comprendente anche gli Strauben, hai una tua ricetta da passarmi?
grazie, non per niente, Frittella

12/1/08 15:33  
Blogger cat disse…

ciao a tutti
ciao glo', ho avuto un vero e proprio attacco biscottaro!
ciao franca, buon anno anche a te.
ciao anonimo (eddai un nomino lo potevi pure usare!) la gunnera..hehe, l'ho provata solo una volta, in un giardino a BZ, vivino ad un laghetto, ma: nonostante abbia piantato la gunnera in terreno umido e molto umoso ma senza ristagno, in cima ad una specie di colinetta, per evitare il marciume alla base delle foglie gigantesche, nonostante la pianta abbia fatto delle belle foglie in estate, anche se non tropo grandi, il primo inverno se l'è portata via. Da allora o deciso di sostituire il suo "volume" e la sua struttura con il rabarbaro fastigiato Rheum palmatum, più adatto al clima delle mie zone.
Non so di dove tu sia, se vivi al sud o centro o ai laghi prova la gunnera! altrimenti...provala lo stesso, magari avrai più fortuna di me.
ciao francesca è sempre un piacere averti da queste parti.
e ciao anche a frittella:
dunque, gli strauben, ti do la ricetta del nuovo libro dell'athesia, ancora da tradurre in italiano:220g di farina bianca da stemperare con 300 ml di vino bianco, fino a creare una crema densa. Poi si aggiungono20 g di burro fuso, 3 uova 20 g di grappa e un pizzico di sale e mezza bustina di lievito per dolci. mescolare bene e lasciare riposare almeno un quarto d'ora.
scaldare l'olio pre frittura in una larga padella fino a 180°.
con l'apposito attrezzo (un imbuto in acciaio con un lungo manico) depositare a spirale, un mestolo di pastella, incominciando dal centro della pentola, e poi fare dorare da ambo i lati. asciugare bene con cartapaglia, spolverizzare di zucchero a velo e deporre al centro una cucchiaiata di mirtilli rossi, guten Appetit!
saluti golosi a tutti cat

12/1/08 18:56  
Blogger frittella disse…

ciao Cat,scusami se ti dico questo,
ma è sicuro che per gli Strauben ci va il vino?
Non la prendere come una mancanza di fiducia.
Ciao Frittella

15/1/08 16:14  
Blogger Laura disse…

Bellissimi i tuoi biscotti. Ciao

18/9/08 19:03  
Blogger Angela disse…

Ho trovato da pochissimo questo tuo blog e devo dire che è davvero STUPENDO!!! Complimentissimi!
Come ogni anno inizia la mia produzione di biscotti da regalare a Natale, e volevo provare i tuoi marmorizzati al Matcha..però mi manca il Matcha!!! Avrò decine di the verdi nella mia dispensa, e stavo pensando, se macino il the bancha e lo sostituisco...se ppo ffà???

12/12/09 12:15  

Posta un commento

<< Home