cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

giovedì, giugno 15, 2006

melograni

Che tristezza! oggi hanno cominciato a montare le impalcature per la demolizione di questa bella casa, che caratterizzava da sempre il mio quartiere, con le sue forme morbide dei primi del novecento. Ma io mi chiedo???, se fossi il proprietario dell'immobiliare, farei di tutto per andare ad abitare in una simile meraviglia, e per di più in centro! Mah!

E per aggiungere sconforto allo sconforto, sparirà anche il maestoso melograno, che occhieggiava dalla recinzione. Speriamo che almeno la leggenda del melograno, simbolo di rinascita e porta fortuna, ispiri il nuovo architetto e ci risparmi l'ennesimo condominio anonimo, con gli spazi verdi ridotti al minimo.

Per non intristirmi troppo vi descrivo la meraviglia dei melograni Punica granatum : piante originarie del medio-oriente, cariche di significati sacri, magici, propiziatori. Belle in ogni stagione, dai fiori corallo semplici o doppi (attenzione le varietà doppie non portano frutto), oppure bianchi ("Alboplena"rarissimi!) o screziati (nella varietà "Legrellei").

In autunno si trasformano in fiammate giallo oro. A mio parere, le specie da frutto, se si resiste dal cogliere tutti i frutti dalla pianta, mostrano in inverno il loro aspetto migliore; i frutti crepati, dalla buccia gialla e bruna, mostrano i loro semi rossi, succosi e lucidi come piccole pietre preziose, il simbolo stesso della fecondità. Oggi niente ricetta, sono troppo avvilito, mi vado a sparare direttamente una stecca di fondente! saluti tristi, ma golosi cat

9 Commenti:

Anonymous Paolo Tasini disse…

Quando mi trovo di fronte a situazioni simili mi prende la smania delle talee...con i melograni l'ho fatto una volta con soddisfazione da talea legnosa in inverno...Era un fantastico esemplare di Dente di Cavallo destinato all'abbattimento per ristrutturazione... Le sue talee ora sono sparse in diversi giardini vicini... Razza strana quella dei giardinieri...
un saluto

16/6/06 07:30  
Blogger LaCuocaRossa disse…

orroreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
ma possono farlo??? non è vicolata???
e che cavolo ci costruiscono???
ma daiiiiiiiiiiiii uno ha una villa liberty e la abbatte!!! io pagherei oro per starre li dentro...
fermatelooooooooo
p.s. ebbene si, non avrei voluto ma di fronte a tale scempio devo venire allo scoperto: SONO UN ARCHITETTO ANCHE IO!!!

16/6/06 10:52  
Anonymous Francesca disse…

un altro condominio no, vi prego! Sul balcone ho un melograno nano che mi hanno regalato, che fa dei mini-melograni che poi seccati tengo in bella mostra nei porta-bonbon in salotto. Pero' desidero comprarmi un melograno a grandezza naturale sempre da mettere in terrazzo. Me lo consigli?

16/6/06 12:40  
Blogger gli scribacchini disse…

Porc...! L'unica reazione che riesco ad avere è davvero poco fine: Che si secchino le palle a chi ha fatto quella scelta.

Vai di talee, Cat, a costo di rischiare la violazione di domicilio. Siamo tutti con te. Kat

16/6/06 15:11  
Blogger sediciaprile disse…

sgrunt..:(
vado a mangiare un po' di cioccolato anche io per solidarietà.

16/6/06 15:32  
Blogger gli scribacchini disse…

Una tristezza infinita.
Salva almeno una talea, se puoi.
Patt

16/6/06 21:13  
Blogger cat disse…

grazie a tutti per la solidarietà, ho tagliato un sacco di rametti e li ho portati in vivaio, oggi ho tentato di entrare in cantiere (volevo sgaffignarmi le decorazioni del tetto!) ma acccc..lo hanno blindato!

16/6/06 21:55  
Blogger gli scribacchini disse…

Chissà... magari l'avranno venduta in kit a qualche riccone di Aspen. La casa (di amici) dove si sono incontrati i miei è stata spedita in quel modo (pietra su pietra, tutte numerate) negli States negli anni 60 del secolo (ormai)scorso. I grandi alberi del parco sono stati quasi tutti conservati. Incrocio le dita e spero in notizie non troppo devastanti. Kat

17/6/06 00:11  
Blogger LaCuocaRossa disse…

spedire una casa pezzo epr pezzo è un orrrore peggio che abbatterla!!! una casa non è una zuppiera che si appoggia su qualsiasi tavolo (e nemmeno epr le zuppiere è vera sta cosa::) una casa ha le fondamenta che sono radici...portare una villa liberty in giappone per esempio, è come pretendere che un limone della conca d'oro di palermo, attecchisca a stoccolma...hai voglia a fare talee...
p.s. notate la mia "sensibilità" da cemenitficatore: mi preoccupo oltremodo per la villa e non ho speso una sola parola per gli alberi...hihihihihih

17/6/06 10:38  

Posta un commento

<< Home