cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

mercoledì, giugno 24, 2009

nel giardino dei Fanes

le foto sono cliccabili per maggiore goduria!
Pedalare fa bene! Lo scorso settembre abbiamo partecipato a Bz in bici e completato tutto l'itinerario, abbiamo guadagnato i preziosi biglietti della lotteria cittadina. Che devo dire, c'è e si vede! e allora che serva a qualcosina no? Abbiamo vinto un we in agritour, anzi in un "Bauernhof" a scelta in tutto l'AA-Südtirol e abbiamo scelto di trascorrerlo in alta val Badia, che conoscevamo pochino pochino (vergogna!). Un bel viaggetto spazio-temporale, in un'oretta siamo sbalzati indietro di due mesi (come temperature, fioriture, giacconi...) e meraviglia, mi sono ri-goduto le fioriture dei lillà e delle rose selvatiche, che ormai erano bei ricordi profumati. Abbiamo trascorso due bei giorni freschi e tonici e con tutto 'sto freddo non ci siamo fatti certo mancare le calorie. Eravamo ospiti in un maso dove producono latte, burro e formaggio di malga, una bontà, specialmente le colazioni, col pane scrocchierello e il "velo" di burro, l'intonacatura da due centimetri di spessore! La sera poi, abbiamo cenato in un famoso maso a Pedraces, dove ci hanno letteralmente imbottiti di Tirtlen con ogni farcitura: crauti, spinaci, ricotta, papavero e mirtilli rossi..., "panicia" zuppa d'orzo, sgonfiotti di patate e via dicendo tipo pranzo di nozze (se vi capitasse di andarci, NON toccate cibo per l'intera giornata!) - l pm stravolti dal sonno, si sono fatti un pisolino sulla panca; all'arrivo delle costine di maiale e dello stinco- rifiutati dal sottoscritto e dalla Bee temendo l'esplosione imminente - nik, il pm grande, si è rianimato, sbafandosene un piattone sotto i nostri occhi sbigottiti, per poi ri-piombare in un sonno profondo. Beata gioventù io c'ho avuto gli incubi tutta notte, inseguito da frittelle di ogni foggia e dimensione... Oh, ma non abbiamo mica passato tutto il we a tavola! Domenica ci siamo alzati di buon'ora e abbiamo preso la seggiovia per il rifugio "Santa Croce" - si lo so che c'è anche la camminata di tre ore andare, tre ore tornare ma avete presente trascinarsi dietro i pm??? Bello! i miei amatissimi prati, non sapevo più dove guardare e cosa fotografare, distese di genzianelle primule rosa e botton d'oro, peccato per la luce balenga del cielo coperto. Mi ero appena scusato di non essere riuscito a pubblicare il rituale prato fiorito? e invece, detto fatto! Arrivati al rifugio abbiamo deciso di proseguire per il sentiero che porta alla ferrata e abbiamo scelto bene.
camedrio alpino, Drias octopetala
Si attraversa un bosco di radi pini, pietre bianchissime e distese di rododendri fioriti e cuscini di dafne profumatissima, forse anche troppo; un giardino zen alla decima; ogni roccia sembra sistemata appositamente, incorniciata dalle clematis alpine;
Clematis alpina
i gruppi di rododendro danno profondità, il camedrio illumina la scena, veramente un incanto.
camedrio alpino, Drias octopetala
E ancora più incantati si resta se si scende di scala e si osservano i dettagli.
Daphne striata
Silene exscapa
Rocce ammantate di cuscini fioriti; il legno dei ginepri liscio e argentato dalla neve e dal sole; minuscoli perfetti paesaggi nelle crepe della dolomite, tutto sotto l'incombete presenza della parete del Santa Croce, nuda, aspra, sempre più vicina e possente. E più si sale più i pini si fanno radi e contorti, spariscono i rododendri ferruguinei e sotto i mughi si illumina il rosa del rododendro cistino, grazioso come pochi, per lasciare poi il passo a spargole genziane tra il ghiaione. Speravamo di vedere le marmotte, ma i pm hanno scoperto l'eco! credo ci abbaino sentito fino in svizzera.
rododendro cistino - Rhodothamnus chamaecistus
Gentiana acaulis
Non siamo grandi montanari, ci conoscete, siamo più "da pic nic con copertina", ma visto anche l'entusiasmo che il paesaggio di alta montagna ha scatenato nei pm, specialmente per le arrampicate sulle rocce e alla vista delle amatissime piante carnivore (pinguicole) (oddio, quando si sono resi conto che per tornare al rifugio avremmo dovuto ri-percorrere tutta la strada c'è stata un po' di burrasca...) bisseremo al più presto.
Pinguicola alpina
Per ora ci caliamo al mare: Sardegna, nord, vicino al paese della mia nonna, mai visitato. Una vacanza un po' "radici", a presto. Mannochenonvilascosenzaricettina.
CONFETTURA DI LAMPIEGIE
Ho trovato delle ciliegie in cassetta belle mature, nere e sode e ad un prezzo ragionevole (al super le ho viste a 9,60 euri!! roba da matti), così come dei lamponi, per integrare quelli dell'orto. Siccome quest'anno l'albicocco ha scarseggiato con la produzione, mi sono buttato sulla confettura di lampiegie ;O). Ho lavato, asciugato bene e snocciolato un kilo di ciliegie, che pulite fanno circa otto etti, le ho passate al minipimer con il succo di un limone, ci ho aggiunto un kilo di lamponi non lavati - erano bio, li ho solo mondati -e due etti di ribes rosso sgranato, al posto della pectina. Ho aggiunto un kilo di zucchero di canna bianco - quello grezzo è troppo forte e copre il gusto della frutta - e ho lasciato a macerare per tutta la notte. Al mattino ho dato una bollita di ca. 10 minuti, ho schiumato bene - bisogna essere drastici, la schiumetta rosa va tolta tutta con pazienza, altrimenti la marmellata risulta opaca e sbiadita e ho lasciato riposare. Al pomeriggio ho passato al passaverdura - maglia fine (sì!, sono delicatino e i semini dei lamponi nei denti mi fanno venire gli sgrisoli!) ho rimesso la confettura sul fuoco lento per circa 20 minuti; ho fatto la prova del piattino e la consistenza era quella giusta, ho invasato bollente nei vasetti ma non ho tappato subito! con le marmellate gelatinose occorre aspettare qualche minuto, finchè non si è formata una pellicina sulla superficie, allora si può chiudere il vasetto senza il pericolo della condensa che può ammuffire - il calore della marmellata sigilla comunque i tappi "clic clac". Le lampiegie hanno un profumo squisito e un gustino acidulo propriocomepiaceamè. A presto, saluti golosi, cat

20 Commenti:

Blogger Paolo Tasini disse…

senza parole: che meraviglia Cat!

25/6/09 07:36  
Anonymous Mrs. Bee disse…

E infatti, mentre Cat era in pieno delirio orgasmico da piante, ripeteva come in un mantra: ah, se ci fosse Paolo!!!!!!
Ma non posso dargli torto, perchè era davvero un paesaggio stupendo, nonostante il freddo e le due seggiovie da sciropparsi per salire, di cui una un po' troppo ballerina per i miei gusti: chissà perchè, l'alternativa delle due ore di salita non ha incontrato....
peccato perchè il fine settimana ti dà l'idea di avere dato un morso a un frutto goloso e di doverlo lasciare lì......

25/6/09 08:45  
Blogger Saretta disse…

Che delizia dei sensi sto we!!!Che meraviglie di golosità. paesaggi e fiori!
Vi auguro altrettante stupende vacanze sarde.
A presto
Saretta

25/6/09 10:00  
Blogger Fra disse…

che posto incantevole, adoro le passeggiate in montagna!
Buone vacanze sarde e grazie per la ricetta della marmellata ;D
Un abbraccio
fra

25/6/09 10:53  
Anonymous Angela disse…

Davvero una meraviglia ! E' più o meno quello che ho trovato io a metà giugno : non ero mai stanca di guardare questi prati fioriti uno diverso dall' altro . Tornerei domani ! Aspettiamo altre foto e racconti e bei ricordi da quell' altra terra stupenda che è la Sardegna . Buone vacanze !

26/6/09 00:40  
Anonymous Anonimo disse…

mi mancherà quest'anno la mia consueta vacanza in montagna...conosco benissima la zona, soggiorno sempre a Valdaora - Olang. uh! le tirtlen, i knodel, il pane scosso con i semi di cumino e le stelle alpine "strappate" dalle mascelle delle mucche al pascolo lassù alla Punta Tre Dita...e i mirtilli e l'uva orsina e...

26/6/09 09:49  
Blogger GemmaG disse…

grazie cat,io che sono lontana ma che amo le mie montagne e purtroppo non sempre posso andarci mi hai fatto un meraviglioso regalo .

complimenti x le bellissime foto e auguri x la vostra vacanza in sardegna,

ciao e ancora grazie gemma

26/6/09 18:54  
Anonymous Cristina disse…

Sono estasiata dalle foto dei fiori! Un bel leggere e un bel vedere questo blog! Compliments!

Cristina
http://cristinamarsi.blogspot.com/

26/6/09 20:47  
Blogger equipaje disse…

Ah, finalmente! Ora che ho visto il consueto "prato fiorito di cat" mi sento decisamente meglio... e quest'anno valeva davvero la pena di aspettare, che me-ra-vi-glio-sa me-ra-vi-glia! :)))))))

(Oh, ma pollice verso versissimo per la seggiovia, neh! ;)

Tante foto in Sardegna, tante anche per me.

27/6/09 13:54  
Blogger claudia disse…

che nostalgia qst post.. di anni sui monti a scarpinare con i miei vecchietti e la sottoscritta che appena partiti diceva "ma qd arriviamo??" e poi qd arrivava era una pasta gioiosa! e la ricettina calma la nostalgia.. spingendo la fameeeee! b vacanze sarde, ajòòòò!

1/7/09 14:01  
Blogger lajules disse…

Tirtlen... Com'e' che non vi ho mai incontrati?

9/7/09 23:49  
Blogger Artemisia Comina disse…

che voglia di erba alla cavilgia e di una tartelletta ai mirtilli in bocca :))

16/7/09 18:51  
Blogger Christian disse…

Che spettacolo! Adoro la montagna e tutto ciò che contiente... cibo compreso!

30/7/09 12:20  
Blogger babi disse…

Complimenti per il tuo blog.Amo la cucina e la montagna...non è che mi invieresti l'indirizzo del maso dove hai trascorso il tuo bel w.e.
ciao ti ringrazio.

2/8/09 17:07  
Blogger capo sud disse…

sQuesta marmellata è proprio un regalo, grazie! Vedrò di cimentarmi anche con quella di agrumi qui in Sicilia, l'albero di arance quest'anno è bello carico. Stupende le foto cliccabili! Mi sembra di sentire il profumo fresco del bosco, te ne mando un pò di salsedine e di terra speziata. ciao.

5/8/09 07:22  
Blogger Luciana Bianchi Cavalleri disse…

Goloso, affascinante, bucolico e godibilissimo il tuo blog: me lo linko tout de suite!

luciana - comoinpoesia.com
.

7/8/09 12:14  
Blogger gaz disse…

Leggo, vedo e assaporo!
Troppe belle cose interessanti...ripasserò volentieri!

17/8/09 23:03  
Blogger Rita disse…

Ho scoperto ora questo blog e....complimenti davvero!!! Ripasserò sicuramente a vedere altre splendide foto e interessanti ricette.

Ciao,
Rita

20/8/09 15:30  
Blogger cat disse…

ciao a tutti e scusate del ritarduccio di due mesi nel rispondere.
babi, mandami una mail, ti dò tutti gli indirizzi che vuoi,
saluti golosi a tutti

25/8/09 21:19  
Anonymous mrs. Bee disse…

Babi: si chiama Casa Chiprà della famiglia Valentin a Badia.
Sul sito del Südtiroler Bauernbund c'è un link al Roter Hahn/Gallo Rosso (e infatti c'è un bel galletto), dove ci sono indirizzi, recapiti e siti di un miliardo di masi che offrono stanze o appartamenti in tutto l'Alto Adige. C'è anche un catalogo molto dettagliato, credo si possa richiedere. Perchè non ve lo linko direttamente? perchè tecnologicamente parlando sono una capra!!!!

28/8/09 12:48  

Posta un commento

<< Home