cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

mercoledì, maggio 02, 2007

fòssi

Come mi piace muovere a sud, il problemino è che ieri è piaciuto a molti mettersi in viaggio! 12 ore di auto con brevissime soste, e non ero andato poi così tanto a sud (chi è causa del suo mal..).

Siamo tornati a casa a mezzanotte, sfiniti ma contenti, ma non c’è stato verso di addormentarmi, come chiudevo gli occhi mi si parava di fronte il parabrezza, il volante e tutto il paesaggio italiano in movimento, un delizioso incubo!

Non ho ancora avuto il tempo di scaricare le foto e organizzare un posticino, ma oggi, andando al lavoro, il fosso che costeggio in bici era uno sfavillare di giallo e verde, e mi sembrava che i rospi e le raganelle mi esortassero a fermarmi, nonostante il ritardo (accidenti alle vacanze troppo corte!), non potevo non ascoltarle!

Quest’anno ce l’ ho fatta, ho fotografato la fioritura dei ranuncoli e degli Iris pseudacorus prima che il consorzio di manutenzione del fosso ranzasse tutto a zero.

Lo scorso anno mi sono fatto prendere dalla pigrizia, “ma si, li fotograferò domani, poi domani…” finché un mattino ho trovato un bel praticello rasato, ma a che cappero serve tosare le sponde dei fossi???

Per fortuna le piante acquatiche e riparali, sono fortissime, e a capo di qualche settimana era tutto ricresciuto, ma dei giaggioli d’acqua mi rimaneva soltanto il ricordo.

I fossi sono un tassello importantissimo nel sistema del paesaggio agrario, non sono solo affascinanti per le fioriture e il profumo umido (si si, profumano!...e un giorno al profumo dei fossii...come canta Vinicio), ma le ripe e le sponde accolgono tantissimi animali e specie vegetali diverse, sono dei piccoli mondi liberi, un po’ spettinati, che portano la vita in un universo di natura “addomesticata” , a meno che non gli si voglia tosare per benino!

In giallo verde anche il piattuzzo di oggi

RISOTTO AGLI ASPARAGI MANTECATO ALLO SHIRO MISO*

Questo risotto farà la felicità dei miei amici vegani (no, non quelli di goldrake), perché nulla degli ingredienti appartiene al regno animale, a parte l’ispirazio del cuoco.

Ho lessato gli asparagi al dente e ho conservato l’acqua.

Ho soffritto in olio evo un piccolo scalogno e ci ho tostato il riso (vialone nano), poi ho aggiunto gli asparagi tagliati a tocchetti, conservando a parte le punte, ho aggiunto il brodo di asparagi con pochissimo sale (IMPORTANTE il miso è molto salato!!) e ho portato a cottura.

Se vi piace all’onda lasciatelo un po’ brodoso (a me piace così) altrimenti fate evaporare ancora il brodo.

Prima di servire “mantecate” con due belle cucchiaiate di shiro miso e aggiungete le punte d'asparago (*miso chiaro di solo riso e soia, lo so che non fa bene come il miso scuro e fermentato, ma è così buono!).

Il gusto salato e nocciolato del miso chiaro si è sposato bene col fresco boscoso degli asparagi, ora vado a nanne, spero che l’effetto video game non si presenti anche stasera, saluti golosi cat

15 Commenti:

Blogger mattop disse…

Caspita! Ogni tanto abbiamo degli sprazzi di telepatia, giusto l'altro giorno ho comprato per la prima volta lo stesso shiro miso e stavo pensando a come abbinarlo con del riso! E' molto buono e il sapore dolce va benone con tutte le verdure cotte, suggerirei anche degli spinaci...
Alla prossima telepatia vegan! Ciao

3/5/07 09:55  
Anonymous Mrs. Bee disse…

Eh, proprio vegan l'ultima settimana di cat, vegan estremo, direi.......

3/5/07 20:49  
Anonymous Anonimo disse…

§Vogia matta di provare il miso chiaro... Nico

4/5/07 01:28  
Blogger flat eric disse…

Pietà per i comuni mortali (onnivori) come me!
Help me, cosa è 'sto shiro miso?
è vero che la legge non ammette ignoranza ma voi si?

4/5/07 12:14  
Blogger mattop disse…

E' un tipo di miso, meno fermentato. Il miso è un prodotto ottenuto con la fermentazione di riso, soia e sale. Serve per condire, insaporire piatti di cereali, verdure e zuppe

4/5/07 13:39  
Blogger cat disse…

ciao a tutti,
mattop epperfortuna che non hai avuto un'attacco di telepatia questo fine settimana...saresti inchiattato tre chiletti;o)
nico : da provare!
flat, il miso è una specialità giapponese, è una crema di riso o orzo e soia, alla quale viene aggiunto un fermento e del sale, ha un gusto mooolto particolare (mrs.bee lo detesta!) quello chiaro assomiglia al burro d'arachidi, sia nel gusto che nella consistenza, spero di averti incuriosito, saluti golosi cat

4/5/07 13:43  
Blogger cat disse…

mattop mi hai battuto sul tempo! sarà l'alimentazione? cat

4/5/07 13:44  
Blogger lajules disse…

Cat, ma quando lo pubblichi un libro del tuo blog? Non riesco a pensare ad un blog culinario piu' adatto del tuo.


Saluti e omaggi vegani.

6/5/07 14:53  
Blogger cannella disse…

Vecio mio, non per fare la purista ma nel titolo manca l'accento..."fòssi", cioè quelli da saltare, con la "o" aperta, no? (go saltà un fòsso e me go ismerdà le braghe, per esempio). non "fóssi", voce del verbo essere, vero??? Ci sto pensando su da mezz'ora...

6/5/07 20:57  
Blogger cat disse…

ciao a tutti,
lajoul se diventasse un libro, a parte il fatto che chi se lo ca..filerebbe? eppoi diventerebbe un lavoro=stress=nonmipiacerebbepiù, se vuoi puoi stampare tutti i post e rilegarli in pelle ;o).
ecco fatto siora perfettini, vàra che ghe nò za una in casa seto! 'notte cat

6/5/07 22:09  
Blogger mattop disse…

Ti ho citato sul mio ultimo post gelatinoso! La tua jappogelatina non è passata inosservata!
ciao

7/5/07 10:24  
Blogger flat eric disse…

com'è vero che nella vita c'è sempre da imparare e cucina=cultura!
dopo lo shiro miso anche fòssi/fossi (help, sulla mia tastiera non c'è l'altra O accentata!)
:-[

7/5/07 11:54  
Blogger Gourmet disse…

fa piacere sapere che oltre al risotto abbiamo gli stessi gusti in fatto di cartoni animati!!!
;o)

7/5/07 17:39  
Blogger LaCuocaRossa disse…

ciao architetto...
era tanto che non passavo a vedere le tue belle foto!

9/5/07 23:20  
Blogger cybergatto disse…

magari ora qualcuno inorriddisce, ma a me il miso piace pure spalmato sul pane .....lo so son disgustosa!

>^^<

10/5/07 11:27  

Posta un commento

<< Home