cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

giovedì, aprile 12, 2007

Pasqua dai nonni

Pasqua dai nonni, si parte, ma dove le mettiamo le valigie?

Venerdì sera ho fatto un “giretto” in vivaio e mi sono lasciato prendere la mano, morale della favola: bagagliaio stracolmo di piante, terriccio compreso (ma perché giovedì ho lavato la macchina?? )caricati piccoli mostri, zia, nonna, moglie, con un vassoio di papaveri d’Islanda che torreggiava su una cofana di valigie infilate un po’ dappertutto siamo partiti.

Il bello della casa dei nonni è che è enorme, per noi topi di città, abituati agli appartamenti, e anche se siamo la metà di mille c’è sempre un angolino dove rifugiarsi, e se proprio si vuole tranquillità assoluta si può fare una passeggiata nei campi.

Proprio durante una di queste passeggiate, con la mia nipotina, fuggiti da una mandria di power ranger starnazzanti (leggi piccoli mostri + cugini + amichetti ) siamo andati a fare la spesa nel nostro super biologico preferito: il vecchio frutteto abbandonato.

Un campo di pruni piantati vent’anni fa, che i miei hanno deciso di “abbandonare” a se stesso, senza più trattamenti né irrigazione, ai margini dei vigneti circostanti, abbastanza grande da sembrare un boschetto, di quelli un po’ regolari, da fiaba ,che piano piano si è trasformato in un piccolo giardino un po’ dark, ma pieno di tesori e rifugio per specie che ormai troviamo solo qui.

E’ da anni che osservo i cambiamenti nella vegetazione e, la cosa più interessante è che all’interno del boschetto la vegetazione è un po’ monotona e molto compatta, (anche se molto interessante, ormai i vecchi pruni sono ricoperti di lichene giallo zolfo fosforescente che li rende veramente interessanti) mentre ai margini del boschetto, in una fascia di prato secco (si chiama proprio così), sono concentrate tantissime specie diverse , ed è il paradiso per le farfalle, le cavallette, le bisce (arggh) le lepri e, fra un mesetto, non vedo l’ora, per le lucciole.

Queste fasce di confine tra macchie omogenee di vegetazione, dette ecotoni nel campo dell’ecologia del paesaggio, sono considerate molto preziose grazie alla ricchezza delle specie che ci vivono, più sono estese ed eterogenee più “sano” è il sistema paesaggio a cui appartengono.

Dunque eravamo rimasti alla passeggiata, abbiamo trovato non ti scordar di me, dai fiori minuscoli ma di un azzurro intensissimo, latte di gallina (ma come gli sarà venuto in mente un nome simile), e sorpresa inaspettata, anche un paio di orchidee selvatiche, che non avevo mai visto da queste parti.

I fiori li abbiamo lasciati al loro posto ma ci siamo raccolti una bella cesta di bruscandoli o roertis, come diceva il mio nonno mantuàn (germogli di luppolo, Humulus lupulus), un sacchettone di cimette di ortiche e, dato che c’eravamo anche una bella sporta di pippole o rosoline (le rosette di foglie tenere e appena spuntate, ancora senza gli steli dei fiori dei papaveri dei campi, o rosolacci Papaver rhoeas).

Ah dimenticavo abbiamo raccolto anche un sacco di schioppettini o sgrisoloni, ma il seguito alla prossima puntata, sull’altro versante del bosco.

Cosa abbiamo fatto con le erbette selvatiche, beh veramente ha cucinato mrs.bee, due croccanti

TORTINI PASQUALI ALLE ERBE DI CAMPO E RICOTTA DI BUFALA

Abbiamo mondato e lavato accuratamente (accuratamente ho detto, odio la sabbia tra i denti!!) le verdure campagnole, poi mrs.bee le ha lessate al dente e le ha “ripassate” in padella con olio evo e scalogno tritato, sale pepe, ha aggiunto una vaschetta di ricotta di bufala (vicino ai miei c’è un allevamento) alcune uova, una bella grattugiata di grana padano e ha farcito una base di pasta sfoglia (quella acquistata al super vero! Non c’era più tempo per cimentarsi in un’impresa come la sfoglia!), in forno caldissimo per 20’, e sulla tavola del giorno di pasquetta sono state molto gradite, non c’è paragone con gli spinaci prelevati da busta (durante la settimana usiamo tristemente anche quelli, sigh!)

Ah il giorno di pasquetta c’era anche questo in tavola…ma questa è un’altra storia, saluti golosi cat

Etichette: ,

16 Commenti:

Blogger SenzaPanna disse…

che belli i tuoi racconti campestri.
:-)))))

12/4/07 08:52  
Blogger Micky disse…

Bella la torta a spirale :-)

12/4/07 10:32  
Blogger flat eric disse…

Mamma mia Cat, se lo sa la mia Ciccina che sono passato nella tua cucina mi mette a stecchetto per un mese!
PS: ma dimmi la verità, quella delle bufale a Bolzano è una bufala???
;-]
ariPS: abbi fede, la zuppa di mele e fagioli è in cottura, eh eh eh!

12/4/07 12:49  
Blogger cat disse…

ciao a tutti,
daniela, micky grazie per la visita,
eric, i miei non stanno a BZ ma a Valeggio sul Mincio VR, e ti assicuro che da quelle parti, specialmente verso il mantovano, è tutto un fiorire di allevamenti di bufale.
Con le "quote-latte", gli allevatori hanno dovuto convertire le loro stalle, pena la chiusura!
buona settimana cat

12/4/07 13:19  
Blogger Kja disse…

Se ti va di passare da me trovi la pasta per la torta pasqualina che ok non e` veloce come srotolare quella del super ma e` abbastanza veloce e pochissimo grassa; avendo questo bel ripieno di cose freschissime...

12/4/07 14:52  
Anonymous CarmeNap disse…

Ma dove avete trascorso la pasquetta, ai Caraibi? Nelle foto vedo persone con abiti estivi.....

12/4/07 23:17  
Blogger lajules disse…

Ah, quelle torte pasqualine... Mi vien voglia di sfondare lo schermo. Alla faccia del pranzo di Pasqua! Dovevate anche numerarle le torte? E dove sono la 1, 2,3 , 4, 5, e 6?

Come al solito piena di invidia,

Lajules

13/4/07 01:49  
Blogger sergiott disse…

Ciao Cat: hai visto? questa volta abbiamo avuto la stessa idea; io con le erbette ho fatto la pasta.

ciao

13/4/07 06:45  
Anonymous Mrs. Bee disse…

He, he, he....la storia del concorso di torte e dei numeri Cat non è ancora pronto a raccontarla ..... deve un po' riprendersi ... posso solo anticipare che è arrivato davanti a me.....

13/4/07 08:43  
Anonymous Lau disse…

Come sai raccontare bene Cat, ci fai
passeggiare con te. Anch'io ho visto
delle orchidee selvatiche, era un bel
pò di tempo che non l'incontravo più.
Sono belle come sono belli tutti i fiori selvatici.
Comunque anche la ricotta di bufala... Ciao

13/4/07 10:05  
Blogger venere disse…

Noooo.... Adoro le erbette di campo! Da me questi si chiamano urtizôns(leggi= urtizòons) e sono veramente buonissimi. Spinaci? Non c'è paragone!

13/4/07 15:22  
Anonymous Acilia disse…

Leggendoti si ha l'impressione di sentire l'odore di quei campi. Bel post.
Il boschetto, le farfalle, le orchidee: ci hai portati dentro un quadro bellissimo.
Interessanti anche i tortini pasquali, fanno una dignitosa concorrenza alla torta pasqualotta di Kja ;-)

13/4/07 22:45  
Anonymous merinica disse…

arrivo qui per caso, perchè flat eric ha linkato il tuo blog in un post. mi sono piaciute subito le vostre sintonie e sinfonie culinarie e voglio farvi i complimenti. ma la 'corsa' al commento è nata alla vista delle due tavole piene di leccornie numerate. perchè? cerca il post 'sweet and sour' in merinica.blogspot.com e saprai!
;-). ciao! merinica

13/4/07 23:51  
Blogger cat disse…

'notte a tutti,
carmenap ma a Na non faceva caldo?
lajoules guarda bene...ci sono proprio tutte e 11!
ciao acilia, bentornata da queste parti.
ciao merinica, benvenuta, sono andato a sbirciare, le gare di torte sono sempre un affarone per i golosi, peccato che io e mrs bee, siamo arrivato ultimi:o(, ma la giuria era corrotta!!

14/4/07 00:16  
Anonymous CarmeNap disse…

A Napili faceva caldo(oggi è ritornato il fresco)ma non tanto da indossare vestiti estivi.
Le tue foto sono stupende. Adoro le viole e credo che in questo periodo il bosco vicino casa mia sia pieno di questi fiorellini, ricordo di aver visto le piantine in autunno.

14/4/07 18:20  
Anonymous Mrs. Bee disse…

Uei, "dignitose" alle mie torte di Pasqua? Sono già arrivata ultima al concorso delle torte dolci, adesso il mio ego ferito non tollera osservazioni su quelle salate.......
Bzzzzz

16/4/07 13:36  

Posta un commento

<< Home