cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

lunedì, settembre 28, 2009

ao!

Per fuggire dal ciclone di impegni lavorativi e familiari che da qualche tempo ci trascina con sé, con la Bee siamo scappati. Pm dai nonni, essì le fughe o si progettano bene o è meglio evitare! In compenso abbiamo dovuto sottoscrivere con i nonni un contratto per almeno due fine settimana di vendemmia ;O), fìu e ci è andata anche di lusso, un we con i pm potrebbe valere anche molto di più. Per far desistere i pm dal seguirci li abbiamo minacciati: cucineremo tutto il giorno e non parleremo d'altro che di cibo e ricette, per fortuna ci hanno creduto sulla parola. Dove siamo andati? no mica a Roma, come potrebbe far pensare il titolo, siamo andati un tantino più a nord/ovest, dall'altra parte delle montagne, a conoscere una coppia di orsi (così amano definirsi loro stessi!) e dato che c' eravamo non ci siamo fatti mancare niente e abbiamo conosciuto anche la Siora Canny e consorte. Che effetto, bello eh!!, vedere materializzarsi gli impulsi elettrici che corrono dall'altra parte dello schermo, dopo anni di commenti ai post e mail sparse; altro che alta definizione: facce, sorrisi, voci, gesti, uno spaesaggio mentale! La minaccia paventata ai pm si è rivelata la bufala che era: abbiamo cucinato il giusto, senza stress da prestazione, che poi è il modo migliore (che formaggini di capra, mmm, i nostri cuochidicarta sono degli intenditori!!) e soprattutto abbiamo fatto dei gran bei giri in cerca di castelli e romanità, accompagnati dai nostri personalissimi orsi ciceroni. La sensazione spiazzante dei monumenti romani di Aosta è il contrasto con le montagne sullo sfondo, che uno i teatri romani se li immagina sempre in pianura, o no? L'unico rammarico è che non ho assaggiato nemmeno una fettina di fontina; Katy e Remy sono stati categorici: non azzardatevi a comprare ora la fontina, non è periodo! e io ho ubbidito ciecamente, anche se, devo confessare, un po' di bavetta ce l'ho lasciata sulle vetrine dei formaggiai del centro...ci toccherà tornare nel periodo giusto! Ma potevo lasciare i miei cortesissimi ospiti senza nemmeno un dolcetto? ecciò una reputazione da difendere io! Con Katy abbiamo deciso di preparato una torta a quattro mani - cucinare e sbirciare nelle cucine altrui mi attizza sempre - e siccome volevo portare un po' di Alto Adige Südtirol in Valle d'Aosta, abbiamo deciso di fare la torta di grano saraceno, o come la chiama Remy
TORTA UGO
La chiama così perchè non riesce a pronunciare "Buchweizentorte" o Schwarzplententorte", che sarebbe il nome originale in tedesco. Premessa: ocio che viene una tortona bella grossa, sicuramente per dodici persone, quindi non voglio sentire commenti sulle dosi di burro, uova e mandorle! non azzardatevi a farla light...per maledizione vi si trasformerà in un robo tamugno buono solo per giocarci a broomball o per spaccare le noci di cocco! La Schwarzplententorte è un classico di qualsiasi baita tirolese e questa ricetta è il classico dei classici: Annelise Kompatscher, "I Dolci", Athesia, e non aggiungo altro. Abbiamo montato a pomata duecentocinquantagrammidiburro, essì e con sei tuorli, 150 grammi di zucchero di canna integrale e una bella punta di coltello di vaniglia naturale. Separatamente abbiamo montato sei chiare a neve durissima con un bel pizzico abbondante di sale e, a metà gonfiaggio, ci abbiamo aggiunto altri 100 grammi di zucchero, meglio quello bianco! Abbiamo macinato fini 250 grammi di mandorle con la pellicina e le abbiamo mescolate a 250 g di farina di grano saraceno, possibilmente macinata grossa. Poi abbiamo incorporato farina e mandorle alla crema di burro, alternandola alla meringa, mescolando delicatamente per non smontare. Il tutto in uno stampo apribile imburrato e rivestito di cartaforno, per ca. 40 minuti in forno a 160-170 gradi (fare prova stecchino). Una volta raffreddata si taglia a metà e si farcisce con marmellata di mirtilli rossi, una bella spolverata di zucchero a velo e, per dare la botta finale, una bella cucchiaiata di panna semi montata con un zic di cannella. Credo che le foto di Remy rendano bene l'idea! I giorni successivi alla fuga, la testa era rimasta un pochino in Valle e, durante un colloquio con alcuni clienti ho proposto al posto di una bella siepe in carpino (Hainbuch! in tedesco, sì il colloquio era in ted) una bella siepe in Buchweizen! Per pegno ho dovuto rifare la torta per tutto il garden, ed è quella che vedete bella allineata sul bancone di vendita durante la pausa caffè. Vi prego soffiate bello forte cosicchè 'sta cacchio di nuvolona di fantozzi si dilegui e mi lasci un po' di tempo, saluti golosi, cat

19 Commenti:

Blogger Scribacchini disse…

Ugo! Ugo! Ugo! Mai stata così felice di avere in casa 250 grammi di farina di mandorle e 250 di saraceno!
Però la verità è che hai fatto tutto tu. Smack. Kat

28/9/09 23:33  
Blogger cat disse…

che gnaulo, sono così arrugginito che ho dimenticato di inserire i link!
'notte Katy

28/9/09 23:45  
Blogger enza disse…

archiniere i miei rispetti per lei e la bee ma concedimi per un momento avevo sperato fosse roma. :))
allora confermi che gli scribacchini sono una forza!

29/9/09 05:15  
Blogger enza disse…

quanto alla nuvoletta di fantozzi.
pfffffff è andata via?

29/9/09 05:15  
Blogger Paolo Tasini disse…

... Così Ao meet Bz: Bello... e tutto molto dolce ma...

E delle erbazze-piantuzze-alberin/alberon-fiorin/fioron? Archigiardinere Cat non puoi andare in terre così foreste e non raccontar nulla di verdognolo...

A nome dei tuoi fan alla clorofilla invoco appendice...

Bentornato goloso!

29/9/09 07:02  
Blogger Scribacchini disse…

Secondo me, di verdognolo, racconterà del bosso secolare fotografato proprio ai piedi di quel castello, ovvero Ussel ;-) ma era così emozionato che magari la foto non è venuta così perfetta come vorrebbe lui...;-p Kat

29/9/09 07:57  
Anonymous Mrs. bee disse…

Tranquillo, Paolo, l'appendice arriverà.
E' solo che, alla terza volta che mi svegliava per un consulto sull'ortografia, ho tirato fuori il bazooka da sotto il cuscino, come i Looney Tunes, e ho fatto fuoco, così ha deciso che, per una volta, bastava la ricettina....

29/9/09 08:55  
Blogger Duck disse…

E' da un po' che vengo a leggere i tuoi post, immergendomi nelle belle atmosfere naturali e campestri che evocano: a me, cittadina da sempre, che so distinguere a malapena una rosa da una rapa, fa sempre bene un po' d'aria fresca, anche se virtuale!
Ugo è un tortone di tutto rispetto e penso prima o poi la farò, per la gioia del mio consorte che, essendo lombardo, ama molto il grano saraceno (e per la gioia anche mia, ché la natura, per fortuna, mi ha dotato di una serena incoscienza e noncuranza per numero di uova e quantità di burro necessari a fare una bella torta!).
Ancora tanti complimenti, e buonissima giornata a te e alla dolce metà con bazooka (urca)!

29/9/09 09:02  
Blogger Saretta disse…

Una torta coi fiocchi per un incontro super!
Me la papperei all'istante...
A presto!
saretta

29/9/09 15:01  
Blogger fantasie disse…

La faccio spesso anche io perché, oltretutto è "naturalmente" senza glutine!

29/9/09 15:16  
Blogger miciapallina disse…

oinoi!
E' una cosa meravogliosa quella cosa li!
E mi mette una voglia di cucinarla....
Però, se vi serve un'altra fuga, Roma è piena di alberi!

Ciao belli, che tristezza avervi così vicini e non potervi toccare! (per me l'italia è tutta una quindi siamo sempre vicini!)

nasinasi golosissimi

29/9/09 17:48  
Blogger Artemisia Comina disse…

associazioni libere: in turchia-anatolia, teatri (greci-romani) che richiedono scarpinate a picco, e cuochi di caicchi che fanno biscotti con 250g di burro come niente fosse; ma io sono come duck: se una torta chiede burro, burro sia, e le lagne, come si sa, fanno ingrassare.

PS: voglia di castelli.

30/9/09 07:45  
Blogger equipaje disse…

plin plon, lei è stato memizzato! ;)

8/10/09 11:15  
Blogger cocozza disse…

Ammappa! che bella torta che avete preparato!
si fa mangiare dallo schermo devo assolutamente comprare la farina di grano saraceno!
a presto cocozza

8/10/09 17:05  
Blogger Amelia disse…

che invidia!!! e dire che sono nel bel mezzo di un ciclone anche io corro corro e non combino un bel nulla sembro lucidatrice!!! sti cicloni mai che si scontrino!!

13/10/09 11:47  
Anonymous Anonimo disse…

Sono giunta in questo tuo magico spazio a furia di navigare per blog e siti di cucina.
Mi sono trovata subito a mio agio: il connubio cucina/giardinaggio è il mio preferito! ^_^
Ho già preso in prestito un paio di ricettuzze (te le riporterò lavate e stirate) che sono una gioia per occhi e gola (e panza).
Complimenti e a presto!
Laura

23/10/09 12:51  
Blogger Milla disse…

Che spettacolo e che bella chiamarla Ugo!!!La adoro ancor prima di averla assaggiata, a presto!

23/10/09 18:57  
Blogger LaGolosastra disse…

la torta Ugo mi sta simpaticissima, anche se io devo astenermi da burro e uova per cause di forza maggiore e non per velleità da aspirante top model.
Ormai ho imparato a declinare in versione vegan tutto il possibile, ma non mi permetterei mai si provarci con Ugo.

6/11/09 09:46  
OpenID artetecaskitchen disse…

Complimenti; arrivato qui per caso, google-ando.
Molto carino il tuo blog. Ti visiterò più spesso.
Spero ti piaccia anche il mio blog.
Fabrizio

11/11/09 13:32  

Posta un commento

<< Home