cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

venerdì, giugno 23, 2006

talpa a chi?

E' successo anche quest'anno! In autunno si va in Toscana a prenotare le piante per la stagione successiva, si guardano, si segnano con appositi cartellini ecc... In marzo arrivano i nuovi arrivati, e per me è come Natale . Container stipati con i protagonisti dei futuri giardini, tutti impacchettati e stretti gli uni agli altri; mano a mano che il camion si svuota le piante riacquistano il loro volume, la loro forma e io mi sfrego le mani per la contentezza! mi immagino già gli abbinamenti di colori, le fioriture, i profumi. Ma ogni tanto...sorpresa, cos'è 'sta roba? non corrisponde al cartellino e ne abbiamo 40 esemplari! Allora aspetti fino a che facciano le foglie, ma è ancora un mistero...forse fiorirà? E questa settimana è finalmente fiorita : la xChitalpa tashkentensis, (ma che nome ha?!). Della bella misteriosa so solo che appartiene alla famiglia delle bignoniacee, è un incrocio tra Catalpa e Chilopsis, ha delle belle foglie che puzzicchiano un po', ma ha dei fiori fantastici, a trombetta, di un bel rosa con la gola gialla, che formano una fioritura spettacolare (rifiorisce a settembre, secondo il catalogo!). Non chiedetemi se sopravviverà all'inverno bolzanino! in primavera ve lo potrò dire. A volte un errore porta ad una nuova scoperta. E adesso un salto in cucina, veloci veloci che fa un caldo pazzesco! e se volete altre varianti di questa fresca insalata guardate campo di fragole e gloricetta

INSALATA DI POLPO E AGRUMI: ho fatto lessare per 40' un grosso polpo con poca acqua e un tappo di sughero (sembra che ammiorbidisca la carne!?), raffreddato, l'ho tagliato a rondelle, ho pelato al vivo due arance ed un grosso limone (bio) e ne ho ricavato delle fettine, ho tagliuzzato delle scorzette di limone senza il bianco (albedo), ho sciacquato dei capperi salati, ho mescolato tutto in una terrina e condito con olio evo, sale e foglioline e fiori di Thymus cytriodorus (timo limoncino), in frigo per una notte e poi sgnam! saluti golosi cat

2 Commenti:

Anonymous Paolo Tasini disse…

La cosa che più mi incuriosisce della "talpa" è la provenienza, cioè secondo l'autorevole università di Ulm: "ottenuta da N. Rusanov nel 1964 al Tashkent Botanical Garden (Uzbekistan)". Una pianta che esce da un orto botanico dell'Uzbekistan merita rispetto...a prescindere...
La RHS oltre a dire che è un ibrido sterile e a dare una descrizione di piccolo alberetto da fiore non va...
Comunque è una pianta da provare:
mi raccomando aggiornaci

24/6/06 14:29  
Blogger rosso fragola disse…

il tappo di sughero è un classico, ma ancora non so se serva davvero! :-))

25/6/06 01:34  

Posta un commento

<< Home