cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

domenica, giugno 03, 2007

dalla cucina al giardino

Nei giardini che realizzo le erbe non mancano mai!, sia le erbette da cucina, le aromatiche, sia le “erbazze”, le graminacee ornamentali - nelle foto Allium giganteum + Carex buchananii e Stipa tenuissima con Thymus vulgaris "Compactum" -

Anzi ultimamente mi piace proprio abbinarle tra loro, hanno un carattere molto espansivo (nel giro di un anno coprono superfici considerevoli) tutte hanno bisogno di molto sole e poca acqua, cosa c’è di meglio per i giardini di oggi, dove il risparmio idrico è diventato una necessità?!

Poi, quando penso un giardino, penso sempre al giardino che vorrei…e vorrai mica scovare una ricetta imperdibile tra i blog e scopri che ti mancano il timo o l’ origano freschi, la maggiorana…non sia mai!

Distese di aromatiche, dove c’è lo spazio, o piccoli angoli “bouquet garni”, magari anche in vaso, sul balcone, per avere sempre a disposizione il profumo giusto per ogni ricetta.

Le erbe aromatiche poi, hanno sempre fioriture delicate ma copiosissime, quasi tutte fioriscono di lilla, bianco o azzurrino e si sposano a meraviglia anche con le rose (qualcuno dice addirittura che ne tengano lontani i pidocchi e gli altri insetti), l’unico inconveniente è che attirano moltissime api, e chi saprebbe resistere ad un banchetto così profumato?

Qui ci sarebbe stata bene una ricetta col timo, ma siccome non mi è venuto in mente nulla vi cuccate ancora un dolce col rabarbaro (anche perché ne avevo una cofana in frigo!)

RHUBARB PIE CON GELATO DI RISO

Ho fatto una pasta brisé dolce, impastando velocemente 250 g di farina di farro integrale (ancora?? direte, : oh, c’avevo sto pacchetto che dovevo finire, altrimenti mrs bee mi vietava di comprare altre farine, la mensola della dispensa sta per collassate!) un cucchiaio di zucchero di canna integrale, un gran pizzico di sale e…tadà, 120 g di burro bbuono (eh, quanno cce vò, cce vò! come si dice in tirolese), aggiungendo a poco a poco qualche cucchiaio di acqua ghiacciata, ne ho fatta una palla e l’ ho messa in frigo per un quarto d’ora.

Nel frattempo ho pulito le coste del rabarbaro e le ho tagliate a tocchettini regolari, le ho bagnate con del succo di limone e un po’ di zucchero di canna.

Ho coperto il fondo di una pirofila con briciole di fette biscottate e un po’ di zucchero di canna, ho sistemato il rabarbaro a raggiera, spolverizzandolo con zucchero di canna a piacere e zenzero fresco grattugiato. Ho tirato la pasta brisé parecchio spessa, più di mezzo centimetro e l’ ho posta a mo’ di coperchio del pie, saldandola bene con acqua ai bordi della tortiera in ceramica da forno, ho pennellato la superficie con rosso d’uovo e ho infornato a 170° in forno ben caldo per circa 35-40 minuti.

Per il gelato ho messo a bollire 70 g di buon riso vialone nano in acqua leggermente salata per circa 10’, dopodiché ho eliminato l’acqua e ho aggiunto 250 g di latte (funzia bene anche col latte di riso e con la panna vegetale!) e la punta di un coltello di polvere di vaniglia naturale, ho rimesso sul fuoco e ho fatto cuocere ancora un quarto d’ora, poi ho aggiunto 80g di malto di riso, ho passato al mixer ad immersione e ho lasciato raffreddare.

Ho montato 250g di panna, l’ ho aggiunta alla crema di riso e ho versato tutto in gelatiera.

Ho servito le fette di pie di rabarbaro tiepide con il gelato al riso e una spolverata di cannella. L’acido del rabarbaro si lega benissimo al piccante agrumato dello zenzero e il gelato delicato armonizza tutti i gusti…non è proprio un dolce dietetico, ma oggi mi sono fatto la “biciclettata “Bolzano in bici, intorno a tutta la città, e con figlio koala in dorso! Quindi non c’ho nessun senso di colpa! Saluti golosi a tutti cat

23 Commenti:

Blogger Alex e Mari disse…

Ciao Cat, ti seguo in silenzio e con ammirazione da un bel po'. Complimenti! Adoro il rabarbaro ... questa ricetta me la segno. Tempo fa ho provato degli shortbread al timo da un'amica. Molto particolari. Il connubio erbe e dolci mi stuzzica molto. Gruss nach Bozen :-) Alex

4/6/07 08:29  
Blogger cannella disse…

Aaaaargh!!! E' riapparso il burro!!!!! Speravo in una ricettina col timo (ho il latifondo da sfruttare ;-DDD), ma non mi lamento visto che ti copio questa brisée di farro col burro...e oltretutto avviso la Terry che sta cercando ovunque ricette col rabarbaro (anche lei ha il latifondo!).
Una domandina: qualche problema con la mia faccia???
;-PPPP
Baci&abbracci a tutta la family

4/6/07 09:45  
Anonymous Mrs. Bee disse…

Cara Cannella,

il soggetto del post, così come il menu chez Cat, dipende dal contenuto della Biokistl, sul quale non possiamo intervenire, se non segnalando tre prodotti che proprio non vogliamo avere: il resto ci tocca!
Il burro....le temperature non proprio estive ci danno una buona scusa per reintrodurlo.
Adesso spero di convincerlo ad usare quel chilo di farina di grano saraceno che langue in dispensa: tanto la torta di grano saraceno (scusa Cecilia, ma ci dimentichiamo sempre di mandarti la ricetta....., coi suoi tre etti di burro e le sue sei o sette uova è leggerina......
Stanotte ho sognato che portavo un po' di bambini a fare colazione al ristorante macrobiotico (che aveva in vetrina un sacco di torte di bell'aspetto), passando davanti ad un bar dove offrivano fette di panettone.
Non è che Cat e MAttop mi stanno facendo qualche macumba?

4/6/07 11:01  
Blogger Brikebrok disse…

So british ...

4/6/07 11:49  
Blogger flat eric disse…

Tornato in piena forma, eh Cat?

4/6/07 12:40  
Blogger LaCuocaRossa disse…

arichicollegaaaaaaaa lo sai che ho prenotato una vacanzina di nuovo lassù??? mi rpendono tutti erp pazza epr questo fattoc he vivo al amre e vado in vacanze in montagna ma che devo fà??? io adoro il trentino e l'alto adige!!!
p.s. ma tu che sei indigeno..ti risulta che ci sia una fabbrica delle birkenstock a bolzano???la mia scarpetta favorita???

4/6/07 14:52  
Blogger Vittoria disse…

Trovo meravigliosi i tuoi dolci (e le tue ricette in generale) perché sono dettati dall'ispirazione del momento...e ispirano assai!
Saluti sbavanti

4/6/07 14:58  
Blogger chiara disse…

Buona!!!! Se solo trovassi il rabarbaro...ma perchè i contadini del mio mercato non lo vendono!!!
Bisogna che in settimana faccio una scappata in qualche bel mercato romano!!

4/6/07 16:10  
Blogger marinella disse…

Ciao, curiosità sul rabarbaro, confesso di non aver l'abitudine ad usarlo ma ne ho in giardino una bella pianta. Adesso sta facendo un bel fiore. E' troppo tardi per raccogliere gli steli? non so proprio quando sia ora di farlo.
Interessante la tua ricetta non hai cotto il rabarbaro prima di metterlo nella teglia, inoltre la brisee al farro sarà mia! ti ringrazio se vorrai darmi qualche consiglio per gestire la mia pianta di rabarbaro.

4/6/07 18:06  
Blogger cannella disse…

Cara la mia Mrs Bee, tu ed i ragazzi avete bisogno di una cura urgente di maialino al forno di Segovia, me lo sento!!!! E la cura dovete farla PRIMA che Cat finisca le farine...
SMUACK!!!

4/6/07 18:31  
Anonymous Mrs. Bee disse…

Maialino al forno di Segovia?? Siiii! Dici che il würstel Senfter che ho appioppato stasera vale?

4/6/07 19:39  
Anonymous Paolo Tasini disse…

Questa volta, proprio questa volta, davanti al RHUBARB PIE CON GELATO DI RISO, io profano, allevato a tortellini e bolliti, dico qualcosa anche in cucina...
bendàtt al mi puten, ma sa magnat?
ovvero
Burdel: be careful...
da quall ch'as magna s acgnoss la magagna...
Mio caro Cat: evviva le "erbazze" con le aromatiche! Salùt et bandessa!

4/6/07 21:38  
Blogger cat disse…

ciao alex e mari, benvenute!
alex che invidia, se non fossi così pigro mi verrebbe voglia di tradurre le ricette in tedesco anche a me!
canny ho perso ogni speranza di alllevare pargoli vegetariani da quando li ho visti sgranocchiare nervetti di maiale dai nonni! disgustoso!!
la sua faccia signora è raggiante come la proprietaria! (piano coi complimenti sennò mi si ingelosisce l'ape).
ciao birk , evverou, moulto moulto inglesei!
ciao flat, avevo bisogno di riemergere per una boccata d'aria, ma è gia ora di tuffarsi!
cuocarossa ma che fine hai fatto??? ti prego togli "non ci sono più" che pare na jattura!
Se vieni dalle mie parti ci dobbiamo sicuramente incontrare - mandami una mail.
Per quanto riguarda i birken..hai sbagliato target, io sono più da mocassini scamosciati!;-) a parte gli scherzi non conosco alcuna fabbrica in zona.
ciao vittoria benvenuta tra i golosastri,
ciao chiara sai che ho il dubbio che il rabarbaro lo coltivino solo dalle mie parti, tanti mi scrivono che non riescono a procurarselo...dovrei mettermi a fare lo spacciatore di rabarbaro;-DD
marinella il rabarbaro vuole belle concimaziioni organiche in autunno (torte di mucca e cavallo per intenderci! le trovi anche in comodio granuli non troppo puzzolenti al consorzio agrario), In primavera estate vuole parecchia acqua e sole, ha bisogno di una protezione dalle lumache (tipo anello di cenere di legna intorno alla base). se vuoi consumare i gambi devi tagliare il fiore non appena si forma, altrimenti i gambi diventano filacciosi e amari, quindi buon raccolto, sei ancora in tempo.
Paolo sono ancora qui che rido, ti sono "sgrisolati" i denti all'idea della mia tortina al rabarbaro? evviva le erbazze sempre! cari saluti a tutti cat

4/6/07 22:08  
Blogger marinella disse…

Grazie Cat, vado a tagliare il fiore immediatamente e poi raccolgo, ti farò sapere

5/6/07 09:48  
Blogger SenzaPanna disse…

ho giusto della farina di farro e una marmellata al rabarbaro fatta da me che mi avanza, ti rubo l'impasto e modifico i ripieno.

Per il gelato posso usare il riso venere?? :-ppppp

5/6/07 11:10  
Blogger Dolcetto disse…

Ciao Cat, scopro per caso il tuo bellissimo blog e l'ho già messo tra i preferiti. Che belle le ricettine che posti... appena ho un attimo mi faccio "un giro completo"... Per ora mi sono stampata la ricetta dei muffin e mi leggo con attenzione questa torta al rabarbaro, che io non ho mai provato... Buona giornata e a presto!

5/6/07 15:23  
Blogger anna maria disse…

Appetitosa la torta e bellissimi gli abbinamenti nei giardini.

6/6/07 06:04  
Blogger Mitì disse…

Ma che buono deve essere!
:-*

6/6/07 12:15  
Blogger Gourmet disse…

Qui il rabarbaro si trova poco!!! Devo tornare a girellare per Porta PAlazzo, magari qualche contadino mi aiuta nella ricerca!!
Che buona che buona che buona!
Smacks!

6/6/07 13:17  
Blogger GemmaG disse…

alora mi da bona trentina trapiantada nela pianura del friuli ho piantà un rabarbaro ma dopo no lo savevo usar perciò te ringrazio moltissim per la rizeta dela torta doman la fago e dopo te scrivo i risultati.
ciao gemma

6/6/07 20:22  
Blogger cat disse…

ciao daniela, prova la marmellata di rabarbaro con i formaggi, come fosse una mostarda, molto piacevole!
ciao dolcetto, grazie della visita, ora vengo a curiosare,
ciao annamaria, sai che ho una cugina in california!
mitì, proprio moolto golosa.
ciao sandra, ma com'è 'sta storia del rabarbaro introvabile, amici di milano si stanno "disperando"!
ciao gemma, che da rider leger el trentin, però mi non son bon de scriverlo, viro più al veronese-mantuàn (nonna valeggiana!)fammi sapere cosa hai combinato col rabarbaro, ciao a tutti cat

6/6/07 21:23  
Blogger uovosodo disse…

per non parlare po di quanto le fanno pagare le erbe aromatiche, sempre meglio aver le proprie.

7/6/07 17:17  
Blogger daniela disse…

a me il sapore del rabarbaro non mi piace!
però adoro il colore!!

saluti dal giardino alla cucina

7/6/07 22:53  

Posta un commento

<< Home