cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

martedì, luglio 25, 2006

arbusti rabdomanti

Che bella la sardegna! La macchia mediterranea e la gariga, anche in questa stagione sono ugualmente attraenti, con i verdi intensi dei corbezzoli e delle filliree, in contrasto con i bruni grigi delle distese di cisto e con il giallo oro delle infinite varietà di piumini piumotti e spighe ormai secche(chissà che spettacolo in maggio, un'esplosione di fiori rosa e bianchi!). Qua e là ancora un'esplosione di bianco verde: le clematidi estive con il loro profumo di mandorla che si fa sentire fino da lontano, più in là l'odore forte e speziato dell'elicriso, ormai grigio e arancio. Secondo me, in questo periodo, il padrone incontrastato della scena è il blu degli agnocasti, specialmente nella luce del tramonto, o di primo mattino, e messo in evidenza dal rosa degli oleandri selvatici (eggià, alloggiavamo in un appartamento senza gelosie e i piccoli mostri, alle prime luci dell'alba, erano già pronti, armati di secchiello paletta ecc.). I Vitex agnus-castus, sono dei fantastici abitanti dei greti dei torrenti e delle fiumane in secca, spesso associati agli oleandri selvatici, devono avere delle radici sensibilissime all'acqua. Della famiglia delle verbenacee, i vitex sono grandi arbusti (ma si adattano perfettamente ad essere coltivati anche in grandi vasi sui terrazzi, e sono perfettamente rustici, Bolzano ne è piena - ovviamente non spontanei!, in vaso vanno potati drasticamente.). Le foglie composte ricordano quelle della canapa, e i fiori sono riuniti in spighe di un blu intenso, a volte qualche esemplare fiorisce di bianco; cominciano a schiudersi in luglio e rimangono fioriti fino a settembre inoltrato, coprendo un periodo di scarse fioriture per il giardino. Ai fiori seguono le bacche, il cosiddetto "pepe dei monaci", granellini di sapore aromatico-piccante, ma, ahinoi, con proprietà anafrodisiache! E adesso parliamo di cucina, see cucina, si fa per dire, l'appartamento sardo era dotato di 2, dico 2 pentole scassarole giusto per cuocerci la pasta, e si attaccava pure sul fondo; niente forno, niente grattugia, niente mixer, ci è toccata pasta all'olio e pasta e pesto (del super!) per tutta la vacanza, i bambini neanche a dirlo erano contentissimi, noi un po' meno! Il terzo giorno di astinenza da forno mi sono prodotto in questa super torta nuziale (un po' sabbiosa!) Per fortuna dopo alcuni giorni di sopravvivenza abbiamo scoperto un localino (oddio chiamarlo locale è dire tanto: un garage adattato a cucina e una serie di tavolini nel "dehor" - la strada del paese di S. Lucia) il "Ristorante della Torre"dove ogni giorno il cuoco di origine spagnola preparava un ottimo menù di pesce (1 sola scelta al giorno, cucina casalinghissima, ma fresca e nemmeno troppo cara: insalata si seppie e frutti di mare, fregola con arselle, seppie in umido con le patate e i peperoni, frittura spaziale, tagliolini con l'aragosta bollita, spaghetti con la bottarga, ecc.). Ma poi ho scoperto anche un'ottima pasticceria, e allora vai di casadinas, tilicas ecc.., ma siccome noi golosastri abbiamo le antennine per certe cose, ho scoperto LA specialità del luogo (Siniscola), sa Pompia. A chi piacciono i canditi d'arancia non posso che consigliarla: un grosso agrume amaro dalla buccia spessa (qualcuno dice Cytrus monstruosum?), che viene svuotato, bollito e infine candito nel miele...mmm un gusto da mille e una notte, da antico testamento. Alle prossime sperimentazioni di cucina sarda saluti golosi cat

6 Commenti:

Blogger gli scribacchini disse…

Belli gli arbusti, bello il resoconto, bello ritrovarti. Kat

26/7/06 15:51  
Blogger cannella disse…

Bentornato! Con la solita poesia, non solo per le piante ma perfino nella torta di sabbia!E chi l'avrebbe mai detto che un cuoco spagnolo trapiantato in Sardegna ti avrebbe reso un uomo felice!
;-))). Aspettiamo con ansia le sperimentazioni sulla cucina sarda. (PS:Anch'io faccio il cambio degli armadi anche in cucina, ESATTAMENTE come il tuo!!!)

27/7/06 00:16  
Blogger Gloricetta disse…

Bella vacanza, la Sardegna è veramente affascinante.Io però vorrei una fetta della tua splendida torta di sabbia...o altrimenti detta: torta "sabbiosa". Bentornato, Glò

27/7/06 11:49  
Anonymous cccooossaaaaa??? disse…

uuuuhh guarda qui chi abbiamo, cat... il frocetto per eccellenza! eh già, te piace proprio mattop eh... bello smilzo! saluta golosamente il mio membro, cat!

28/7/06 10:35  
Blogger cat disse…

ciao cooosa tesora (scusa ma cooosa é femminile!), aspettavo con ansia il tuo commento da uomo vero, continua cos´che ci diverti un casino, saluti golosi al tuo membro!

28/7/06 14:07  
Blogger mattop disse…

Bentornato! Ma come hai farcito la torta di sabbia heeee?

Con "cccooossaaaa???" bisogna avere pazienza, le persone con problemi mentali sono da aiutare...
pazienza...
ciao

28/7/06 18:16  

Posta un commento

<< Home