cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

lunedì, febbraio 05, 2007

ruggine

Le fioriture scarseggiano e allora…avanti con i materiali per il giardino e il balcone.

Volenti o nolenti anche per il giardino, come per l’arredamento di casa, ci sono le mode e c’è chi le segue o chi proprio non se ne cura!

Ad ognuno il proprio gusto, io sono qui solo per suggerirvi delle idee.

Da quello che ho visto in giro, e da quello che vedo pubblicato sulle riviste specializzate, oggi ci sono due modi diametralmente opposti di pensare ai materiali del giardino/balcone: c’è la via tecno-pop (un po’ anni 70’) tutta materiali plastici colorati, lisci, blobbosi o cubici, o, al contrario, la via della “patina”, che predilige materiali che si modificano col tempo, creando patine e strati che “impreziosiscono” e rendono uniche le superfici.

Io sono per la terza via: diamo una bella mescolata!, così materiali un po’ tetri, come gli acciai zincati, quelli arrugginiti e il cemento, acquistano nuova vita e un po’ di allegria da bei pezzi colorati di arredo bizzarro. Il giardino è o non è il luogo dove lasciare libera la mente, e allora tutto ‘sto grigiume di superfici lisce e perfette, tutto questo acciaio inox, secondo me hanno bisogno di un po’ di colore.

Un materiale che sta prendendo sempre più piede e l’acciaio cor-ten, che appartiene alla famiglia dei materiali con patina, e che patina!

Il cor-ten è una lega di acciaio contenete del rame che, ossidandosi, forma una bella superficie rugginosa, che si fissa in profondità negli strati del metallo.

La lamiera di cor-ten è resistente all’acqua e, nelle mani di un buon artigiano (fondamentali sono le saldature!) si adatta perfettamente a formare vasche, fioriere su disegno e anche giochi d’acqua!

Un’unica accortezza: fatevi realizzare il manufatto con largo anticipo! Deve stare all’aperto almeno un bel sei mesetti, perché la ruggine, finché non è ben fissata, lascia il suo bel colorino proprio dove non dovrebbe (pavimenti di pietra o legno, intonaci freschi di pittura ecc.), con colature che non verranno più via!

Rosso anche nel piatto!

TONNO ALLA MANIERA DEL SUD

Dal pescivendolo di fiducia c’era un trancio di tonno che proprio mi ingolosiva, me ne sono fatto tagliare un paio di fette belle spesse e le ho cucinate così, un po’ a memoria, un po’ inventando, questa salsina agrodolce che non so più se abbia origini siciliane o partenopee?

Ho fatto un sughino con uno spicchio d’aglio intero, un po’ di cipolla tritata fine, un pizzico di peperoncino e dei filetti di pomodoro sotto-vetro.

Ho lasciato cuocere un pochino e poi ho aggiunto una manciata di pinoli e di uvette ammollate, ho regolato di sale e ho aggiunto un paio di cucchiai di aceto bianco. Ho lasciato evaporare l’aceto e ho aggiunto i tranci di tonno, ho coperto la pentola e ho abbassato la fiamma al minimo; ho lasciato cuocere per circa 15 ‘ girando i tranci una sola volta. Ce li siamo pappati con crostoni di pane casereccio (quelli della foto li ho tagliati col coppapasta – e mi sono cuccato del maniaco indovinate da chi!?) saluti golosi cat

13 Commenti:

Anonymous Mrs. Bee disse…

Vedi, vedi, a sparlare di me sul blog: ti restano le tracce dei copia e incolla....

6/2/07 09:11  
Blogger miss piperita disse…

In quale località sono state scattate le foto?

6/2/07 13:18  
Blogger LaCuocaRossa disse…

bellissimo il cazziatone di mrs. bee!

6/2/07 13:42  
Anonymous Francesca disse…

il tonno a tranci ingolosisce pure me:-P
p.s. ho cercato la tua emal sul blog ma non la trovo:-( Mi scrivi tu? francescavalerio (@) yhaoo (.) it

6/2/07 15:11  
Blogger Gourmet disse…

eh eh eh..mrs bee sei un mito!!! Bel carattere!:)
peccato per il tonno.. non posso mangiarlo cotto.Solo sashimi e sushi!! Uff!!
saluti molto golosi!

6/2/07 16:17  
Blogger cat disse…

cos'è qui?! un comitato femminista autogestito?? tutte per mrs.bee ehh! ma io non ho mica detto che sia stata lei a darmi del maniaco...vabbè vi saluto lo stesso!
miss pip: tranne la foto con i pannelli bianchi (Buga, Monaco estate scorsa)le altre foto sono dettagli del garden dove lavoro, alcuni sono miei progetti, altre sono sculture o manufatti costruiti dal nostro fabbro di fiducia!
ciao cuocarossa, te l'ho detto che mrs.bee fa l'avvocato?! altro che cazziatoni mi becco! e devo pure rigare dritto...sai quanto mi costerebbe di divorzio!!
ciao fra, adesso ti scrivo.
gourmet, come non puoi mangiare il pesce cotto?? saluti e sgrunt a tutte! cat

6/2/07 17:51  
Blogger bian disse…

...mmm..buono...ma dalle mie parti nn esiste una ricetta di tonno con una simile salsa agrodolce(l'unico che ricordi è il tonno con cipolle in agrodolce)..non so nella Sicilia orientale...boo? può darsi...

6/2/07 18:13  
Anonymous romins disse…

Vedo che tutti hanno apprezzato il tuo tonno!!!
Io invece, da brava architetta a dieta, apprezzo moltissimo l'acciaio cor-ten, che noi in studio usiamo dappertutto!!!

7/2/07 15:46  
Anonymous Anonimo disse…

... in effetti il cor-ten a tranci è un po' duro....

7/2/07 15:59  
Blogger cat disse…

ciso bian...appunto! non mi ricordavo se fosse sicula o partenopea la ricetta, sicuramente sudista!
ciao romins e anonimo in effetti il corten è un po' duro..ma ricco di ferro! forse si potrebbero fare dei lecca lecca ;), saluti cat

7/2/07 20:13  
Anonymous romins disse…

Ho aggiunto un link dal mio blog al tuo!!!

8/2/07 13:50  
Anonymous PlacidaSignora disse…

Sembra legno quella patina! :-*

9/2/07 13:10  
Anonymous Erre disse…

grazie di questo bel blog,semplici ricette,belle foto e bella la tua finestra che guarda le dolomiti
ciao
Erre
http://erremax.blogspot.com

9/2/07 21:46  

Posta un commento

<< Home